Pubblicato il

La cannabis effettivamente contrasta l’infezione da coronavirus?

L’ effetto del CBGA e del CBDA sul Coronavirus

Lo studio, pubblicato sul Journal of Natural Products , ha rilevato che “i composti di cannabis hanno impedito al virus che causa il Covid-19 di penetrare nelle cellule umane sane”.

Secondo gli autori dello studio , “l’acido cannabigerolico e l’acido cannabidiolico hanno impedito l’infezione delle cellule epiteliali umane da parte di uno pseudovirus che esprime la proteina spike SARS-CoV-2 e hanno impedito l’ingresso di SARS-CoV-2 vivo nelle cellule”, mentre “l’acido cannabigerolico e l’acido cannabidiolico erano ugualmente efficaci contro la variante alfa SARS-CoV-2 B.1.1.7 e la variante beta B.1.351. 

I due composti che si trovano comunemente nella canapa – chiamati acido cannabigerolico o CBGA e acido cannabidiolico o CBDA – sono stati identificati durante uno sforzo di screening chimico come aventi un potenziale per combattere il coronavirus, hanno affermato i ricercatori della Oregon State University. Nello studio, si sono legati alle proteine ​​spike trovate sul virus e hanno bloccato un passaggio che l’agente patogeno usa per infettare le persone. I ricercatori hanno testato l’effetto dei composti contro le varianti alfa e beta del virus in un laboratorio. Lo studio non ha comportato la somministrazione di integratori alle persone o il confronto dei tassi di infezione in coloro che usano il CBGA o il CBDA con quelli che non lo fanno.

“Questi composti possono essere assunti per via orale e hanno una lunga storia di uso sicuro negli esseri uman”, ha affermato in una dichiarazione Richard van Breemen, ricercatore del Global Hemp Innovation Center dello Stato dell’Oregon,  . “Hanno il potenziale per prevenire e curare l’infezione da SARS-CoV-2”.

Ci sono alcuni dettagli da tenere a mente. Lo studio in vitro dell’Oregon State University non si è spinto fino alle sperimentazioni sull’uomo, poiché i limiti nella ricerca sulla cannabis medica continuano a essere la norma. Inoltre, l’acido cannabigerolico e l’acido cannabidiolico vengono convertiti in altri composti dopo la decarbossilazione e/o il fumo. Quindi fumare, ad esempio, probabilmente non è un modo efficace per ottenere questi benefici.

“Il recente studio condotto dai ricercatori dell’Oregon State University sottolinea ciò che sappiamo da anni: il CBDA ha proprietà medicinali. Il grande risultato di questo studio, tuttavia, è che i composti che aiutano a prevenire l’ingresso del virus che causa il COVID-19 nelle cellule umane sono l’acido cannabigerolico, o CBGA, e l’acido cannabidiolico, CBDA,  NON  i composti generici di CBD che si trovano in così tanti prodotti di canapa oggi”, ha detto a High Times Inesa Ponomariovaite, CEO di Nesas Hemp. “Questo perché CBGA e CBDA sono prodotti utilizzando canapa viva e cruda, il che garantisce che i composti sani che si trovano naturalmente nella pianta finiscano nel prodotto finale che viene infine consumato dalle persone. I normali prodotti a base di CBD sono spesso realizzati bruciando la pianta, che non solo è cancerogena, ma danneggia anche la struttura molecolare della pianta e ne modifica le proprietà medicinali. In effetti, la ricerca mostra che il CBDA è spesso 1.000 volte più potente del CBD e aiuta a ridurre l’infiammazione, migliora la digestione, rafforza il sistema immunitario, migliora il sonno e stabilizza l’umore”.

Ponomariovaite ha continuato, affermando che “attualmente, la maggior parte dei prodotti CBD utilizza temperature estreme e altri processi dannosi per estrarre i cannabinoidi dalla pianta di canapa per produrre l’estratto di canapa, noto anche come olio di canapa. Questo danneggia gli acidi cannabinoidi naturali e le proprietà medicinali presenti nella pianta”.

Lo studio è diventato virale e ha anche suscitato risate e note di cautela da parte degli esperti. Le rivelazioni si sono rivelate foraggio di qualità per i monologhi a tarda notte.

L’uso di cannabis non sostituirà le vaccinazioni contro il coronavirus

Come ha spiegato Chris Roberts a Forbes , ciò che lo studio dell’Oregon State mostra è che “che alcuni preparati derivati ​​dalla cannabis, somministrati nella giusta quantità, potrebbero aiutare le persone a combattere il Covid-19”

“Ciò che questa ricerca non significa è che fumare cannabis aiuta a proteggerti dal coronavirus, o che ‘l’erba ferma il Covid’ (almeno in senso pratico), o che il motivo per cui qualcuno si è ammalato di Covid mentre qualcun altro no aveva qualcosa a che fare con la cannabis”, ha scritto Roberts .

Forbes ha evidenziato alcuni altri motivi per andare cauti riguardo allo studio, con il dottor Mikael Sodergren, il capo del gruppo di ricerca sulla cannabis medica dell’Imperial College London, dicendo allo sbocco che i risultati dovrebbero ancora essere “confermati su modelli animali e testati sull’uomo in test clinici.”

Pubblicato il

Come capire se la tua cannabis è andata a male e i suoi effetti collaterali

La cannabis ha una data di scadenza? La maggior parte degli utenti acquista e consuma cannabis in quantità sufficientemente piccole da non far sorgere mai la domanda. Ma se hai coltivato una grande quantità, o ti sei imbattuto in qualche vecchia erba che hai dimenticato di avere, dovrai sapere: l’ erba va a male ? E cosa succede se fumi erba vecchia?

La cannabis correttamente stagionata conservata in un luogo fresco e asciutto ha una durata di circa un anno. A quel punto, l’erba comincerà a perdere sapore e potenza e potrebbe persino sviluppare muffe che potrebbero essere dannose se bruciate. E anche se quel lotto non è dannoso, non si sentirà comunque molto bene.

In questo articolo esaminiamo come capire se la tua erba è andata a male, quanti anni potrebbe avere effetti su di te e come mantenere fresca la tua erba in futuro.

La prova dell’occhio


Il modo più semplice per controllare la freschezza della tua erba è dargli un’occhiata da vicino. La cannabis fresca è di un vivace colore verde, a volte con striature viola , e peli fini che diventano arancioni o ambrati. Se questi colori sembrano sbiaditi, si spera che siano ricoperti da piccoli tricomi torbidi. Tuttavia, se quel verde brillante è sbiadito – o peggio, è diventato un marrone fangoso o giallo – allora hai dell’erba scaduta sulla tua mano. Meglio lasciar perdere.

Gusto e profumo


L’odore e il sapore di una determinata varietà di cannabis provengono dai terpeni e dai flavonoidi che si sviluppano durante il processo di concia. Ma anche la cura più paziente non può rendere l’erba insensibile alle ingiurie del tempo.
Se la tua cannabis ha un odore strano o nessun odore, c’è la possibilità che sia andata a male.
La cannabis che ha poco o nessun odore probabilmente avrà anche poco o nessun sapore. Non solo sarà insipido fumare, ma la degradazione dei terpeni potrebbe alterare l’ effetto entourage , cambiando l’ effetto che si ottiene di solito attenuandolo.

Senti l’umidità


Le cime di cannabis fresche sono spugnose senza sentirsi secche. Con l’invecchiamento, la cannabis probabilmente perderà umidità, conferendole una consistenza raschiante e abrasiva. Mentre le cime sane vengono delicatamente staccate dai loro steli malleabili, la vecchia erba si sente fragile, con le cime che si sgretolano dallo stelo.

https://www.canapaland-sanremo.it/?post_type=product&p=3763&preview=trueLe bustine Boveda 58% servono per regolare l’umidità per la conservazione del raccolto di fiori e spezie già asciugate.

Controlla la muffa


La più grande minaccia che la vecchia erba rappresenta per te è la muffa . La cannabis ammuffita non ti farà male come farebbe il cibo scaduto, ma un affondo di fumo di muffa è un’esperienza pessima e ovviamente non fa bene ai tuoi polmoni. La buona notizia è che la muffa non si nasconde bene, quindi uno sguardo da vicino dovrebbe rivelarne una.

La muffa si presenta in diversi modi, quindi fai attenzione. Può apparire come macchie scure irregolari o potrebbe essere una sottile peluria che cresce sulla superficie. Ciò che a prima vista appare come tricomi potrebbe essere l’oidio

Erba ammuffita


Un esempio di cannabis ammuffita.
Se guardare così da vicino è difficile, annusare potrebbe essere un indicatore migliore. La muffa spesso ha un odore acre o aspro, arricciando gli angoli del naso o della bocca.

Certo, alcune varietà di erba hanno un odore piuttosto pungente, ma fidati che il tuo corpo dia l’allarme quando sente qualcosa di pericoloso. Se hai dei dubbi o solo una “sensazione divertente” da qualche gemma misteriosa, non fumarla.

Qualcuno che sbadiglia


Si pensa che il CBN abbia più effetti sedativi del THC.
Un processo di cura del paziente rallenta drasticamente lo sviluppo di CBN, lasciando la tua scorta di cannabis ricca di THC. Ma la cura non interrompe del tutto questo processo e, sebbene la cannabis conciata possa rimanere fresca per circa un anno, nel tempo quei cannabinoidi continueranno a svilupparsi e degradarsi. Pertanto, la cannabis più vecchia è spesso più ricca di CBN.

Il CBN da solo non sembra far addormentare le persone , ma la cannabis degradata o vecchia sicuramente sì, e il motivo esatto è sconosciuto. Potrebbe essere un’interazione specifica tra CBN e THC a causare l’effetto, o che la cannabis con un alto CBN ha naturalmente altre qualità (come profili terpenici specifici) che inducono il sonno. Resta il consenso, indipendentemente dal ceppo, la cannabis più vecchia influenzerà i consumatori più come un’indica che blocca il divano.

Come conservare correttamente la cannabis


La maggior parte dei problemi qui affrontati può essere prevenuta conservando in modo più efficace la vostra cannabis a lungo termine. Naturalmente, un processo di stagionatura paziente preparerà la tua cannabis a una lunga durata, ma anche il contenitore e il luogo in cui è conservata avranno effetto.

BARATTOLO SOTTOVUOTO TIGHTVAC

La luce e la temperatura sono i tuoi principali avversari quando si conserva l’erba.


La luce , in particolare la luce UV del sole, degraderà cannabinoidi e terpeni più velocemente di qualsiasi altra cosa, con il calore che arriva in un secondo vicino. Conserva sempre la tua cannabis in un luogo fresco e buio e lontano da qualsiasi apparecchio che potrebbe riscaldarsi durante l’uso, come un fornello o un computer.

Aria e umidità sono gli altri due fattori da considerare. I fiori di cannabis possono essere sigillati sottovuoto per una conservazione a lungo termine ( il contenitore Tightvac è perfetto per la conservazione dei prodotti per lunghi periodi). Un po’ di esposizione all’aria quando raggiungi la tua erba è normale, ma se fuoriesce aria intorno alle tue cime 24 ore al giorno, diventerà stantia rapidamente.


L’erba tecnica non scade, ma come tutta la materia vegetale, può degradarsi, diventare stantia e la finestra per l’uso può alla fine chiudersi. Il modo più rapido per capire se l’erba è andata a male è dare un’occhiata da vicino e forse annusare da vicino.

La muffa è la minaccia più critica senza essere troppo critica. L’erba ammuffita non ti danneggerà, ma avrà un sapore atroce e probabilmente tossirai. Verifica la presenza di muffa cercando macchie scure su tutto il pezzo o una crescita cotonosa lungo la superficie. Se non sei ancora sicuro, dagli un buona annusata.

La cosa migliore che puoi fare per evitare che l’erba vada a male è prepararla adeguatamente per la conservazione a lungo termine con una cura per il paziente, quindi conservarla in un contenitore che la manterrà fresca. I barattoli a bocca larga sono l’opzione più comune, preferibilmente con un coperchio di gomma a scatto. Non solo questi barattoli si sigillano bene, ma il vetro tende a essere un contenitore migliore della plastica o del metallo perché gli ultimi due conferiranno i loro odori e sapori residui nel tempo. In caso contrario, è possibile acquistare contenitori sigillati e bloccati appositamente per la cannabis, nonché sacchetti a prova di odore.

Domande frequenti

La mia erba si ammuffirà?

Potrebbe, sì. L’erba fa crescere la muffa se viene curata o conservata in modo improprio, in particolare nelle zone umide. La prima cosa che puoi fare per prevenire la formazione di muffa nella tua erba è curarla per diverse settimane. Se hai preso la tua erba da qualche altra parte, conservala in un contenitore ermetico lontano dalla luce o da fonti di calore.

L’erba diventa più forte con l’età?


Brevemente sì, poi no. La cannabis appena raccolta continuerà a sviluppare cannabinoidi durante i processi di essiccazione e stagionatura, ma la sua potenza avrà un limite definito dalla sua genetica. Dopo aver raggiunto il picco di potenza, inevitabilmente diminuirà nel tempo. Anche in questo caso, il processo di stagionatura può rallentare questo degrado, ma nessuna erba è inattaccabile dal tempo.

Perché la mia erba odora di vecchio?


La cannabis perde sapore e potenza nel tempo, soprattutto se non viene conservata correttamente in un luogo fresco e asciutto e sigillata il più ermeticamente possibile. Aria, luce e temperatura degradano tutte l’erba, dalla materia vegetale stessa ai cannabinoidi e ai terpeni all’interno. Se la tua erba odora di vecchio, probabilmente ha già superato il suo apice. Fumare a proprio rischio.

Pubblicato il

Francia: sospeso il divieto di vendita allo stato grezzo di fiori e foglie di varietà di cannabis prive di proprietà narcotiche

Sequestrato dai commercianti del settore, il giudice in camera di consiglio di Stato sospende temporaneamente il divieto di commercializzazione allo stato grezzo di fiori e foglie di alcune varietà di cannabis, anche se il loro contenuto di THC è inferiore allo 0,3%. Il giudice ha osservato che questa soglia, al di sotto della quale i prodotti sono privi di proprietà narcotiche, è quella utilizzata dalla normativa per autorizzare la coltivazione, l’importazione, l’esportazione e l’uso industriale e commerciale di alcune varietà di cannabis.

Il codice di sanità pubblica (articolo R. 5132-86) vieta la produzione, la fabbricazione, il trasporto, l’importazione, l’esportazione, il possesso, l’offerta, il trasferimento, l’acquisizione o l’uso di cannabis (piante, resine e prodotti derivati). Ma questo stesso articolo prevede che “la coltivazione, l’importazione, l’esportazione e l’uso industriale e commerciale di varietà di cannabis prive di proprietà narcotiche” possano essere autorizzate.

Sulla base di tale deroga, il decreto ministeriale 30 dicembre 2021 ha autorizzato “la coltivazione, l’importazione, l’esportazione e l’uso industriale e commerciale di sole varietà di cannabis sativa L. il cui contenuto delta-9 -tetraidrocannabinolo (THC) non è superiore a 0,3%”. Questa soglia di THC è quindi, per quanto riguarda il codice di sanità pubblica, quella al di sotto della quale le varietà di cannabis sono prive di proprietà narcotiche.

 Tuttavia, lo stesso decreto ministeriale vieta la vendita ai consumatori di fiori e foglie allo stato grezzo di queste stesse varietà, anche se il contenuto di THC di questi fiori e foglie è inferiore alla soglia dello 0,3%. 

Diverse aziende che già commercializzano prodotti derivati ​​da queste varietà di cannabis, sulla base di un precedente decreto ministeriale, hanno impugnato con urgenza tale divieto.

Il giudice della camera di consiglio del Consiglio di Stato ritiene che vi sia un serio dubbio sulla legittimità di tale provvedimento di divieto generale e assoluto a causa della sua natura sproporzionata. 

Non risulta infatti, al termine dell’indagine contraddittoria e degli scambi avvenuti in udienza pubblica, che i fiori e le foglie della cannabis sativa L. il cui contenuto di THC sia inferiore allo 0,3 % presentino un grado di nocività per sanitario che giustifichi un provvedimento di divieto totale e assoluto: tale soglia è proprio quella trattenuta dallo stesso decreto impugnato per caratterizzare le piante di cannabis autorizzate alla coltivazione, all’importazione, all’esportazione e all’uso industriale.

In attesa che il Consiglio di Stato si pronunci definitivamente sulla fondatezza della legittimità del decreto impugnato, il giudice in camera di consiglio sospende provvisoriamente il divieto impugnato. 

Per saperne di più

– Decisione n. 460055

–  Comunicato stampa

Pubblicato il

Erba legale in Francia? Aggiornamento sulla marijuana medica e sulla legalizzazione

Per una nazione nota principalmente per il buon vino, la buona cucina e il disprezzo generale per il vino e la cucina di altre nazioni, l’amore francese per la marijuana è passato inosservato. Secondo quanto riferito, la Francia ha il più alto livello di consumo di cannabis tra i suoi cittadini in tutta l’Europa continentale, con tassi di consumo intorno all’11% a partire dal 2017. Questo nonostante la forte posizione anti-cannabis del governo francese, che ha emesso alcune delle sanzioni più dure.

Tuttavia, la posizione del governo francese sulla cannabis potrebbe ammorbidirsi. Come possibile antipasto alla futura legalizzazione, la Francia sta lanciando il suo primo studio sulla cannabis medica dagli anni ’50. Nel corso di due anni, 3.000 pazienti riceveranno marijuana medica per testare gli effetti benefici della pianta sulle loro condizioni.

È questo il primo passo della Francia verso la legalizzazione della marijuana medica? Come viene condotto esattamente questo studio? La Francia si unirà ai suoi vicini nella depenalizzazione della cannabis? Probabilmente, ma prima, è importante capire il contesto storico del proibizionismo della cannabis in Francia.

Perché l’erba è illegale in Francia?

La storia della Francia con la cannabis risale al 1798, quando i soldati di Napoleone invasero l’Egitto. Le truppe hanno iniziato a fumare erba perché nel paese musulmano non si trovava né vino né alcol. Si può presumere che a causa dell’atmosfera sommessa del soldato, Napoleone fosse diffidente nei confronti di questa nuova droga. I futuri governi francesi hanno condiviso le sue opinioni. I francesi coloniali credevano che la marijuana causasse violenza, follia e comportamento criminale nei musulmani nordafricani che avevano soggiogato. In una vena tristemente familiare di Anslinger, l’hanno definita “folie haschischique”, che sostanzialmente si traduce in ” follia”.


La posizione negativa della Francia sulla cannabis può essere ricondotta a Napoleone.
La pianta fu bandita per uso medico nel 1953 dopo che i medici francesi scoprirono che non curava il colera. Non abbiamo idea del perché questo sia stato il punto di rottura.

Quando l’impero francese si dissolse nel 1970, i politici francesi votarono per vietare l’uso di marijuana in tutta la nazione. Ciò era in parte dovuto ai timori di un afflusso di arabi e africani nel loro paese dagli ex territori coloniali. Poiché l’uso di marijuana era culturalmente legato agli arabi musulmani, la criminalizzazione è diventata un altro modo per opprimere la popolazione minoritaria.

Oggi, la metà dei quasi 70.000 prigionieri sono uomini musulmani di origine araba, nonostante costituiscano solo il 9% della popolazione. Si stima che uno su sei di questi prigionieri sia incarcerato per cannabis.
La Francia ha solo aumentato la repressione della cannabis dagli anni ’70. A partire dal 2010, l’86% dei 117.421 arresti per droga erano per possesso o distribuzione di cannabis e gli arresti annuali per consumo di cannabis sono saliti alle stelle a poco meno di 140.000 nel 2015. Il possesso può comportare un anno di carcere e una multa di 1.450 euro.

L’opposizione a questa politica è in crescita da anni.

Studio medico

I sostenitori e i ricercatori della marijuana medica spingono per uno studio medico dal 2013. L’anno scorso, in una lettera aperta pubblicata sulla rivista L’Obs, dozzine di economisti, politici e medici francesi hanno denunciato il fallimento delle leggi anti-cannabis e spinto per la legalizzazione. Questo è stato seguito dal consiglio consultivo economico del Primo Ministro che ha pubblicato un rapporto che definisce il divieto della cannabis un fallimento e raccomanda la legalizzazione per motivi economici.

Nonostante il miserabile fallimento della marijuana nella cura del colera, l’establishment medico francese è disposto a riprovarci.

A partire da marzo 2021 e per i prossimi due anni , 3000 cittadini francesi riceveranno prodotti a base di cannabis gratuiti per curare i loro problemi medici. I prodotti a base di cannabis sono forniti da società straniere che collaborano con il governo e includeranno pillole, oli e fiori secchi, ma i pazienti non potranno fumare alcun prodotto.

Si spera che questo studio medico possa influenzare il futuro della legalizzazione della marijuana medica in Francia.
Lo studio accetta solo pazienti affetti da malattie gravi per le quali altre forme di cure mediche sono insufficienti o non ritenute sufficientemente efficaci. Questo copre problemi come l’epilessia, il dolore cronico o la sclerosi multipla. La cannabis sarà prescritta anche ai pazienti che stanno affrontando gli effetti secondari di trattamenti come la chemioterapia .

Questo non è considerato uno studio farmacologico, poiché a nessun paziente verrà somministrato un placebo per testare l’efficacia in doppio cieco. Invece, ricercatori e medici monitoreranno frequentemente i pazienti, comprese le quantità che stanno usando, i benefici che riportano e la frequenza con cui consumano cannabis.

Dopo due anni, i ricercatori determineranno se i prodotti a base di cannabis sono stati in grado di soddisfare i bisogni e curare i pazienti in modi che altri interventi medici non potrebbero. La speranza è di convincere ulteriormente il governo e l’establishment medico francese che il loro scetticismo sulla cannabis è ingiustificato.

Qual è il futuro della cannabis in Francia?

La Francia si unirà ai vicini Belgio, Lussemburgo e Svizzera nel depenalizzare completamente l’uso ricreativo della cannabis? Nello spirito nazionale di “Libertà, uguaglianza e fratellanza” e nello sforzo di sondare le acque per la futura legalizzazione della cannabis, il governo francese ha lanciato una consultazione pubblica sulla legalizzazione all’inizio di quest’anno. Finora hanno risposto oltre 200.000 cittadini (la cifra normale è di 30.000) e possiamo presumere che il feedback schiacciante alla legalizzazione sia “ Oui, s’il vous plait. “ Con il crescente sostegno popolare dell’opinione pubblica, dei politici locali, tra cui metà dei sindaci di Parigi , e delle elezioni in vista del prossimo anno, la Francia potrebbe iniziare il lungo processo di depenalizzazione.

A breve termine, 3.000 persone che soffrono potrebbero provare un sollievo impossibile senza la cannabis medica, il che è di per sé una vittoria.

Pubblicato il

L’ONU da il via alla cannabis medicinale ma non riesce a sfidare l’eredità coloniale del suo divieto

PER IL RILASCIO IMMEDIATO

L’ONU dà il via alla cannabis medicinale ma non riesce a sfidare l’eredità coloniale del suo divieto

Vienna, 2 dicembre 2020.

  • In una votazione storica, le Nazioni Unite (ONU) hanno finalmente riconosciuto il valore medicinale della cannabis.
  • Un gruppo di importanti organizzazioni per la politica sulle droghe ha accolto con favore la mossa, ma ha anche espresso delusione per il fatto che questa riforma non si spinge abbastanza lontano, poiché la cannabis rimane classificata a livello internazionale insieme a droghe come eroina e cocaina.
  • La revisione stava rivisitando le decisioni sulla pianificazione della cannabis prese negli anni ’50, che erano guidate da atteggiamenti razzisti e coloniali prevalenti, e non basate su valutazioni scientifiche. Questo è rimasto incontrastato.

Dopo due anni di dibattiti litigiosi, oggi a Vienna la Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (CND) ha votato per rimuovere la cannabis dalla Tabella IV della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, riservata a sostanze controllate con beneficio terapeutico limitato o nullo. In tal modo, le Nazioni Unite riconoscono finalmente il valore terapeutico della cannabis, rafforzando così l’imperativo internazionale per garantire l’accesso ai medicinali a base di cannabis. Questa è una buona notizia per i milioni di persone che usano la cannabis per scopi terapeutici e riflette la realtà del mercato in crescita dei medicinali a base di cannabis.

Pur accogliendo con favore la rimozione dalla Tabella IV, gli esperti di politica sulle droghe hanno espresso serie preoccupazioni sul fatto che la cannabis rimarrà nella Tabella I della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, mantenendola sotto gli stessi severi controlli dell’eroina e della cocaina. A seguito della prima revisione scientifica in assoluto della cannabis da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2018, è stata raccomandata una riprogrammazione limitata della cannabis, ma rimuoverla dal programma I non faceva parte del pacchetto nonostante la stessa conclusione dell’OMS che la cannabis fosse meno dannosa rispetto alla maggior parte degli altri farmaci in quel programma.

La revisione sulla cannabis sottolinea anche la profonda disconnessione tra il processo decisionale negli organismi internazionali e il crescente slancio per la riforma della politica sulla droga in tutto il mondo. Più di 50 paesi in tutto il mondo hanno adottato programmi di cannabis medicinale, mentre Uruguay, Canada, Messico, Lussemburgo, 15 stati degli Stati Uniti e molte altre giurisdizioni hanno spostato, o si stanno trasferendo, per regolamentare legalmente la cannabis per uso non medico. Resistendo alle prove e al cambiamento, il sistema internazionale di controllo della droga corre il rischio di diventare sempre più isolato e irrilevante.

“Accogliamo con favore il riconoscimento atteso da tempo che la cannabis è una medicina. Tuttavia, questa riforma da sola è lungi dall’essere adeguata dato che la cannabis rimane programmata in modo errato a livello internazionale. La decisione originale di vietare la cannabis mancava di basi scientifiche ed era radicata nel pregiudizio coloniale e nel razzismo. Ha ignorato i diritti e le tradizioni delle comunità che hanno coltivato e utilizzato la cannabis per scopi medicinali, terapeutici, religiosi e culturali per secoli e ha portato milioni di persone a essere criminalizzate e incarcerate in tutto il mondo. Il processo di revisione è stata un’opportunità persa per correggere quell’errore storico “, ha affermato Ann Fordham, Direttore esecutivo dell’International Drug Policy Consortium .

Il conteggio finale sulla rimozione della cannabis dalla Tabella IV è stato molto vicino, con 27 voti a favore e 25 contrari, con 1 astensione. La Federazione Russa aveva mobilitato un blocco di paesi – inclusi 15 stati membri votanti della CND – dietro una posizione comune , sostenendo “di non apportare modifiche alla programmazione della cannabis” perché “porterebbe a confusione e allentamento del quadro normativo internazionale stabilito “. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno votato a favore dell’eliminazione della cannabis dalla Tabella IV, ma si sono mobilitati per affermare un presunto consenso globale sul fatto che la cannabis dovrebbe rimanere soggetta alla “piena portata dei controlli internazionali”. Secondo John Walsh, direttore per le politiche sulle droghe presso l’Ufficio di Washington per l’America Latina, la mossa degli Stati Uniti rappresenta “un tentativo poco convincente di presentare una parvenza di consenso, celebrando che la cannabis rimane rigorosamente programmata a livello internazionale, proprio nella stessa settimana in cui la Camera dei Rappresentanti si prepara a votare sulla legislazione che rimuoverebbe la cannabis dalle sostanze poste sotto legge federale sulle sostanze controllate ”.

Martin Jelsma, direttore del programma Drugs and Democracy presso il Transnational Institute, ha detto: “Oggi la comunità internazionale fa un passo avanti con questa piccola vittoria sulla cannabis medicinale, ma la decolonizzazione e la modernizzazione del regime del trattato sulla droga delle Nazioni Unite è solo all’inizio. Il risultato di questo processo di revisione ha dimostrato ancora una volta che la Convenzione Unica del 1961 è uno strumento obsoleto e troppo brusco per adempiere al suo mandato di protezione della salute e del benessere dell’umanità. Ha anche dimostrato la profonda divisione e paralisi all’interno del sistema internazionale di controllo della droga. Con pochi segni di riconciliazione tra i paesi riformisti e i difensori dello status quo della guerra alla droga, i riformatori continueranno a seguire una via da seguire che non dipende da un consenso a Vienna, come testimoniato dalle riforme nazionali attualmente in corso intorno al mondo”.

Pubblicato il

La Macedonia legalizza la cannabis ricreativa

La Macedonia del Nord potrebbe diventare il primo paese dei Balcani a consentire l’uso ricreativo della marijuana, ha detto venerdì il primo ministro Zoran Zaev, aggiungendo che il suo governo sta considerando Amsterdam come un esempio. Canapaland è in prima linea nella prossima legalizzazione, inesorabilmente.

* * * 

Il Primo Ministro della Macedonia: Zoran Zaev ha appena annunciato la depenalizzazione e legalizzazione della cannabis per una serie di destinazioni turistiche. Per stimolare l’economia del suo paese, si parla di creare una nuova Amsterdam in Macedonia del Nord con i suoi Coffee Shop. L’obiettivo. Stimolare l’economia.

In un’intervista televisiva con ” Deutsche Welle ” in macedone, il primo ministro ha successivamente affermato:

“La depenalizzazione e la legalizzazione della marijuana possono aiutare molto il turismo e l’ospitalità, il piano è di controllarla come ad Amsterdam. 

L’idea è di dare marijuana in luoghi turistici, inclusa Skopje, per consumare marijuana in caffè esistenti e nuovi, per avere determinati standard di ventilazione e prove dell’origine di questa Cannabis. ” Zoran Zaev – Fonte –

Secondo Zaev, il piano è oggetto di un dibattito pubblico e, se l’opinione pubblica generale si dimostrerà positiva, la legge in materia sarà redatta e probabilmente adottata a passo spedito dal suo governo.

“Penso che possa portare un serio sviluppo della ristorazione e del turismo in un piccolo paese, tenendo presente le nostre belle località turistiche: Struga, Ohrid, Resen, Dojran, Skopje, Berovo, Mavrovo e tutti gli altri ” Zoran Zaev –  Fonte  –

* * * 

Più che mai un semplice sguardo oltre i confini permette di rendersi conto che viviamo bene in una dittatura del pensiero. Ovviamente le autorità probabilmente non saranno in grado di contenere a lungo il maremoto dell’onda verde contro la volontà del loro popolo.

La strumentalizzazione è smussata, la menzogna non regge più, presto avremo dozzine di esempi di legalizzazioni controllate che funzionano…. tutto quello che devi fare è aprire gli occhi.

Pubblicato il

Il flavonoide della cannabis potrebbe aiutare a curare il cancro al pancreas

Uno studio recente ha concluso che un flavonoide di cannabis non cannabinoide e non psicoattivo, FBL-03G, ha il potenziale per trattare il cancro al pancreas.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Dana Farber Cancer Institute e della Harvard Medical School , ha utilizzato modelli animali per esaminare l’impatto di FBL-03G – un flavonoide derivato dalla  Cannabis sativa  L. – sulla progressione dei tumori. Ha dimostrato l’efficacia terapeutica nella progressione del tumore sia locale che metastatico negli animali con cancro del pancreas.

Utilizzando un trattamento combinato del flavonoide di cannabis FBL-03G come immunoadiuvante,  sono stati condotti studi in vitro con e senza radioterapia (RT), con il flavonoide fornito in modo sostenibile da biomateriali radioterapici intelligenti.

Attualmente, il tasso di sopravvivenza per i tumori pancreatici avanzati è in media di cinque anni, con il trattamento attuale che include opzioni come chemioterapia, radioterapia, immunoterapia e chirurgia, tutte con un successo limitato a causa della natura aggressiva del cancro.

Cos’è un flavonoide di cannabis?

I flavonoidi sono metaboliti secondari che si trovano nelle piante e nei funghi e quelli che si trovano solo nella cannabis sono noti come cannaflavine. Questi danno alla pianta il colore per attirare gli impollinatori, lavorano in combinazione con i terpeni per dare alla pianta il suo gusto e aroma e proteggerla da parassiti e malattie.

Sebbene i flavonoidi siano ampiamente sottovalutati, stiamo imparando di più su di loro man mano che vengono condotte ulteriori ricerche. Numerosi studi recenti hanno rivelato molti benefici farmacologici per i flavonoidi trovati specificamente nella pianta di cannabis.

Efficacia terapeutica

Lo studio, pubblicato su Frontiers in Oncology , ha condotto ripetuti esperimenti che hanno mostrato aumenti significativi del tasso di sopravvivenza per gli animali con cancro al pancreas rispetto ai gruppi di controllo.

Lo studio ha affermato: “ Mentre sono in corso studi per affrontare il meccanismo specifico per questo potenziale immunoterapico di questo derivato della cannabis, la possibilità di sfruttare un tale approccio terapeutico per trattare le metastasi o aumentare la sopravvivenza è significativa, dato che la maggior parte dei pazienti con cancro del pancreas viene diagnosticata. già con malattia metastatica, con opzioni di trattamento limitate.

“I risultati evidenziano il potenziale dell’utilizzo di derivati ​​non cannabinoidi e non psicoattivi della cannabis per tale trattamento. Ulteriori lavori per ottimizzare l’efficacia terapeutica per tali derivati ​​della cannabis e valutare la tossicità potrebbero preparare il terreno per la traduzione clinica.

“I risultati dell’FBL-03G rivelano un nuovo potenziale derivato della cannabis non cannabinoide con un grande potenziale da prendere in considerazione in ulteriori indagini nel trattamento del cancro del pancreas, dove sono urgentemente necessarie nuove opzioni terapeutiche.”

Crescita tumorale inibita in altre parti del corpo

I ricercatori sono rimasti sorpresi da alcuni dei risultati senza precedenti nello studio che hanno dimostrato che il flavonoide della cannabis ha anche inibito la progressione del tumore in altre parti del corpo in cui il cancro si era diffuso.

Lo studio ha somministrato il rilascio prolungato del derivato flavonoide della cannabis FBL-03G da biomateriali radioterapici intelligenti (SRB) che ha provocato l’inibizione della crescita tumorale di tumori trattati localmente e non trattati a distanza, con e senza radioterapia.

Lo studio ha osservato: “ Il carico utile FBL-03G utilizzato in questo studio è un derivato flavonoide non cannabinoide della cannabis e il potenziale di inibire la progressione del tumore sia locale che metastatico è notevole, specialmente per il cancro del pancreas , con una triste sopravvivenza a cinque anni tasso dell’8%. “

Pubblicato il

L’inalazione di Cannabis tende a ridurre significativamente la depressione, lo stress e l’ansia

Fino ad ora gli studi sugli effetti della cannabis sulla depressione, lo stress e l’ansia non sono stati solo rari, ma basati sul laboratorio e limitati ai ceppi di solo THC in capsule, ma un nuovo studio ha dimostrato che anche l’inalazione di cannabis è efficace.

Pubblicato nel Journal of Affective Disorders , lo studio della Washington State University ha rilevato che le persone che fumano o vaporizzano cannabis a casa sperimentano livelli “significativamente ridotti” di depressione, stress e ansia.

Carrie Cuttler, assistente professore clinico di psicologia presso la Washington State University (WSU) e autrice principale dello studio, ha dichiarato: “Ciò che rende unico il nostro studio è che abbiamo esaminato la cannabis inalata effettiva da pazienti con marijuana medica che la utilizzavano comodamente. delle proprie case invece di un laboratorio. “

I partecipanti sono stati in grado di fornire dati tramite un’app sui propri smartphone. Gli utenti hanno valutato i loro sintomi prima di usare la cannabis su una scala da 1 a 10 e poi hanno inserito le informazioni sul tipo di cannabis che stavano usando. Venti minuti dopo l’inalazione, l’app li ha spinti a riferire quanti tiri hanno fatto e a rivalutare la gravità dei loro sintomi.

È stato scoperto che una boccata di cannabis ad alto contenuto di CBD e bassa in THC era ottimale per ridurre i sintomi della depressione, due boccate di qualsiasi tipo di cannabis erano sufficienti per ridurre i sintomi di ansia, mentre 10 o più boccate di cannabis ad alto contenuto di CBD e alta in THC ha prodotto le maggiori riduzioni dello stress.

Cuttler ha continuato: “Molti consumatori sembrano credere che più THC sia sempre meglio. Il nostro studio mostra che il CBD è anche un ingrediente molto importante nella cannabis e può aumentare alcuni degli effetti positivi del THC “.

I risultati dello studio hanno mostrato che i pazienti che inalano cannabis hanno ridotto i sintomi della depressione nell’89,3% delle sessioni, rispetto all’effetto opposto nel 3,2% delle sessioni e nessun cambiamento nel 7,5% delle sessioni.

I sintomi di ansia sono stati ridotti in un totale del 93,5% delle sessioni monitorate ma sono stati esacerbati nel 2,1% delle sessioni, senza alcun cambiamento nei sintomi per il 4,4% delle sessioni. 

I sintomi di stress sono stati ridotti nel 93,3% delle sessioni monitorate, aumentati nel 2,7% delle sessioni e non vi è stato alcun cambiamento nei livelli di stress riportati per il 4% delle sessioni.

I ricercatori hanno anche concluso, tuttavia, che la depressione “sembra aggravarsi nel tempo”.

Lo studio ha anche confrontato l’impatto della cannabis su questi sintomi tra i sessi e ha scoperto che le donne percepivano una maggiore riduzione dei sintomi di ansia rispetto agli uomini.

Lo studio ha confrontato diversi ceppi di cannabis con diversi livelli di THC e CBD. La più grande riduzione delle valutazioni di depressione è stata segnalata dopo aver usato cannabis con livelli relativamente bassi di THC e livelli relativamente alti di CBD.

Con l’ansia, né il THC né il CBD da soli erano predittori di cambiamento. Quando si guarda se la cannabis combatte lo stress, tuttavia, i migliori risultati sono stati ottenuti dalla cannabis con livelli relativamente alti di THC e livelli relativamente alti di CBD. Al contrario, i ceppi con alto THC / basso CBD, basso THC / alto CBD o basso THC / basso CBD, non hanno mostrato differenze apprezzabili nel cambiamento dei sintomi.

I colleghi di Cuttler e WSU Alexander Spradlin e Ryan McLaughlin hanno utilizzato una forma di analisi statistica chiamata modellazione multilivello per analizzare circa 12.000 voci di app anonime per depressione, ansia e stress. I ricercatori non hanno ricevuto nessuna delle informazioni di identificazione personale degli utenti dell’app per il loro lavoro.

Cuttler ha detto: “Questo è per quanto ne so uno dei primi studi scientifici per fornire una guida sulle varietà e le quantità di cannabis che le persone dovrebbero cercare per ridurre lo stress, l’ansia e la depressione. Attualmente, i consumatori di cannabis terapeutica e ricreativa si affidano ai consigli delle offerte di gemme le cui raccomandazioni si basano su prove aneddotiche e non scientifiche “.

Lo studio fa parte di diversi progetti di ricerca sulla cannabis attualmente in corso presso la WSU, tutti coerenti con la legge federale e molti dei quali sono finanziati con le tasse sulla cannabis dello stato di Washington e le tasse di licenza dei liquori.

Pubblicato il

Batterie di Canapa migliori del Litio e del Grafene

Il modello T di Henry Ford è stato notoriamente realizzato in parte con bioplastica di canapa e alimentato da biocarburante di canapa. Ora, con i veicoli alimentati a batteria che iniziano a sostituire quelli che utilizzano motori a combustione, è stato scoperto che le batterie di canapa funzionano otto volte meglio degli ioni di litio. C’è qualcosa che questa pianta criminalmente sottoutilizzata non può fare?

Il confronto è stato dimostrato solo su scala molto ridotta. (Non ti aspettavi che un conglomerato della Silicon Valley facesse qualcosa di veramente rivoluzionario, vero? Si limitano a commercializzare solo cose che sono state inventate o almeno finanziate dallo stato.) Ma i risultati sono estremamente promettenti.

L’esperimento è stato condotto da Robert Murray Smith – che ha accumulato un discreto seguito sul suo canale YouTube – di FWG Ltd nel Kent. Ha osservato una curva Volt per Amp di entrambe le batterie di canapa e litio e ha scoperto che la potenza sotto la cella di canapa era un valore di 31 mentre quella della cella al litio aveva un valore di appena 4 . Sebbene non affermi di aver provato nulla, ha affermato che i risultati del suo esperimento hanno mostrato che le prestazioni della cella di canapa sono “significativamente migliori” rispetto alla cella al litio.

Non è una vera sorpresa, motivo per cui presumibilmente ha condotto l’esperimento. Nel 2014, gli scienziati negli Stati Uniti hanno scoperto che le fibre di scarto – “shiv” – delle colture di canapa possono essere trasformate in supercondensatori “ultraveloci” che sono “migliori del grafene”. Il grafene è un materiale di carbonio sintetico più leggero del foglio ma a prova di proiettile, ma è proibitivamente costoso da realizzare. La versione in canapa non è solo migliore, costa un millesimo del prezzo.

Gli scienziati hanno “cucinato” la fibra liberiana rimanente – la corteccia interna della pianta che di solito finisce in discarica – in nanofogli di carbonio in un processo chiamato sintesi idrotermale. “La gente mi chiede: perché la canapa? Dico, perché no? ” ha detto il dottor David Mitlin della Clarkson University, New York, in un’intervista alla BBC. “Produciamo materiali simili al grafene per un millesimo del prezzo e lo facciamo con i rifiuti”.

Il team del dott. Mitlin ha riciclato le fibre in supercondensatori, dispositivi di accumulo di energia che stanno trasformando il modo in cui viene alimentata l’elettronica. Mentre le batterie convenzionali immagazzinano grandi serbatoi di energia e gocciolano lentamente, i supercondensatori possono scaricare rapidamente l’intero carico.

Questo li rende ideali nelle macchine che richiedono forti raffiche di potenza. Nelle auto elettriche, ad esempio, i supercondensatori vengono utilizzati per la frenata rigenerativa. Il rilascio di questo torrente richiede elettrodi con un’elevata area superficiale, una delle molte proprietà fenomenali del grafene.

Mitlin dice che “puoi fare cose davvero interessanti con i rifiuti organici”. Con le bucce di banana, ad esempio, “puoi trasformarle in un denso blocco di carbonio – lo chiamiamo pseudo-grafite – e questo è ottimo per le batterie agli ioni di sodio. Ma se si guarda alla fibra di canapa, la sua struttura è l’opposto – produce lastre con una superficie elevata – e questo è molto favorevole ai supercondensatori “.

Una volta che la corteccia è stata cotta, “sciogliete la lignina e la semicellulosa e questo lascia questi nanofogli di carbonio – una struttura pseudo-grafene”. Fabbricando questi fogli in elettrodi e aggiungendo un liquido ionico come elettrolita, il suo team ha realizzato dei supercondensatori che operano a una vasta gamma di temperature e un’elevata densità di energia.

L’articolo della rivista peer-reviewed di Mitlin classifica il dispositivo “alla pari o migliore dei dispositivi commerciali basati sul grafene”.

“Funzionano fino a 0 ° C e mostrano alcune delle migliori combinazioni di potenza-energia riportate in letteratura per qualsiasi carbonio”, aggiunge. “Ad esempio, a una densità di potenza molto elevata di 20 kW / kg (kilowatt per chilo) e temperature di 20, 60 e 100 ° C, le densità di energia sono 19, 34 e 40 Wh / kg (wattora per chilo) rispettivamente.” Completamente assemblati, la loro densità di energia è di 12 Wh / kg, che può essere raggiunta con un tempo di ricarica inferiore a sei secondi.

Alla fine del 2018, la società di motociclette elettriche con sede in Texas Alternet ha annunciato che stava lavorando con Mitlin per alimentare le moto per la sua sussidiaria ReVolt Electric Motorbikes.

Così il gioco è fatto. Se già sapevamo che non è necessario utilizzare i combustibili fossili che stanno distruggendo il clima del pianeta, perché il biocarburante di canapa fornisce un’alternativa migliore, ora sappiamo che non è necessario distruggere l’ambiente estraendo il litio e i materiali che lo sono utilizzato nelle batterie. Possiamo letteralmente far crescere la tecnologia. La canapa può salvare e alimentare il mondo.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nel numero 1 di The Quarter Leaf .

Pubblicato il

Sentenza storica della Cassazione sulla Coltivazione della Cannabis in casa

Coltivare Cannabis in casa per uso personale non costituisce reato.

I kit per la coltivazione dei semi di cannabis sul balcone di casa sono ormai assai diffusi, venduti anche on line su siti specializzati di internet, ma si incorreva in rischi da un punto di vista legale, finora a livello giuridico non c’era mai stata un’apertura vera in questa direzione.

Il 19 dicembre del 2019 le sezioni unite penali della Cassazione ha depositato una sentenza senza precedenti.

“Non costituiscono reato le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica. Attività di coltivazione che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante ed il modesto quantitativo di prodotto ricavabile appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore”.

Per quantità minime e ad uso personale la coltivazione casalinga della Cannabis è stata depenalizzata.

Un tema sul quale la Consulta si era pronunciata più volte, stabilendo in linea di principio che la coltivazione della cannabis costituisce sempre un reato, al di là della quantità, dall’uso personale che se ne può fare e dalla presenza dei cosiddetti principi attivi.

E così la Cassazione, adattandosi a quanto chiarito dalla Consulta, ha finora sostenuto che la coltivazione di marijuana, anche se per piccolissime dosi (una o due piantine) è sempre reato, a prescindere dallo stato in cui si trovi la pianta al momento dell’arrivo del controllo. Ora – si attendono le motivazioni della pronuncia del 19 dicembre – c’è stato un ribaltamento del principio fin qui stabilito. Sono le sezioni unite penali ad aver mettere un punto fermo dettando un’unica linea e uniformando il trattamento per i coltivatori di “erba” in casa. “Il reato di coltivazione di stupefacente – si legge nella massima provvisoria emessa dalla Corte dopo l’udienza del 19 dicembre – è configurabile indipendentemente dalla quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, essendo sufficienti la conformità della pianta al tipo botanico previsto e la sua attitudine, anche per le modalità di coltivazione, a giungere a maturazione e a produrre sostanza stupefacente”; “Devono però ritenersi escluse – ed è qui il punto di svolta -, in quanto non riconducibile all’ambito di applicazione della norma penale, le attività di coltivazione di minime dimensioni, svolte in forma domestica che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante, il modestissimo quantitativo di prodotto ricavabile, la mancanza di ulteriori indici di un loro inserimento nell’ambito del mercato degli stupefacenti, appaiono destinate i via esclusiva all’uso personale del coltivatore”.

Esulta Mantero del Movimento 5 Stelle. «la Cassazione ha aperto la strada, ora tocca a noi. Fino a questa storica sentenza comprare Cannabis dallo spacciatore, alimentando la criminalità e mettendo a rischio la propria salute con prodotti dubbi, non costituiva reato penale mentre coltivare alcune piante sul proprio balcone per uso personale poteva costare il carcere»

“Oggi si mette fine alla stortura tutta italiana di una legge che consegnava il mercato monopolista delle droghe leggere nelle mani della mafia. Adesso è arrivato il momento che il legislatore si svegli, la smetta di sottrarsi al proprio dovete e si decida ad affrontare questi temi “scivolosi” o “divisivi”, qualsiasi cosa vogliano dire questi aggettivi”, scrive Mantero che conclude: “La mia proposta per regolamentare l’auto produzione è già depositata da inizio legislatura, può essere un punto di partenza. Diamoci da fare”.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello ”Sportello dei Diritti”, è giunto il momento che il legislatore prenda una posizione definitiva sulla legalizzazione o meno della cannabis e dei suoi derivati.

Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu ha commentato la decisione della Corte di Cassazione in merito alla coltivazione domestica della Cannabis.

Fratoianni: “Scelta di buon senso della Cassazione”. Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu ha commentato la decisione presa della Corte di Cassazione in merito alla possibilità di coltivare Cannabis in piccole quantità.

“Quella delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione è una scelta di giustizia ed è sopratutto una scelta di buon senso”, ha detto Fratoianni parlando della sentenza della Corte per cui non costituirebbe reato la coltivazione domestica di piccole quantità di Cannabis.

“Lo Stato deve colpire al cuore gli affari delle mafie e non limitarsi a colpire milioni di consumatori di Cannabis, impegnando inutilmente le forze dell’ordine. La verità è che prima o poi in Italia bisognerà legalizzare l’uso della Cannabis”, ha proseguito Fratoianni, sostenendo che “ce lo dice l’esperienza di quei Paesi che lo hanno fatto in questi anni, ce lo dice la cattiva esperienza di chi continua ad agitare argomenti inutili e pericolosi”

“E nei prossimi mesi questo Parlamento potrebbe trovare, e me lo auguro davvero, una via d’uscita legislativa seria e ragionevole”

Dunque se si coltiva senza intenzione di spacciare e non si pregiudica la salute dei cittadini, non si rischia il carcere.