Pubblicato il

Erba legale in Francia? Aggiornamento sulla marijuana medica e sulla legalizzazione

Per una nazione nota principalmente per il buon vino, la buona cucina e il disprezzo generale per il vino e la cucina di altre nazioni, l’amore francese per la marijuana è passato inosservato. Secondo quanto riferito, la Francia ha il più alto livello di consumo di cannabis tra i suoi cittadini in tutta l’Europa continentale, con tassi di consumo intorno all’11% a partire dal 2017. Questo nonostante la forte posizione anti-cannabis del governo francese, che ha emesso alcune delle sanzioni più dure.

Tuttavia, la posizione del governo francese sulla cannabis potrebbe ammorbidirsi. Come possibile antipasto alla futura legalizzazione, la Francia sta lanciando il suo primo studio sulla cannabis medica dagli anni ’50. Nel corso di due anni, 3.000 pazienti riceveranno marijuana medica per testare gli effetti benefici della pianta sulle loro condizioni.

È questo il primo passo della Francia verso la legalizzazione della marijuana medica? Come viene condotto esattamente questo studio? La Francia si unirà ai suoi vicini nella depenalizzazione della cannabis? Probabilmente, ma prima, è importante capire il contesto storico del proibizionismo della cannabis in Francia.

Perché l’erba è illegale in Francia?

La storia della Francia con la cannabis risale al 1798, quando i soldati di Napoleone invasero l’Egitto. Le truppe hanno iniziato a fumare erba perché nel paese musulmano non si trovava né vino né alcol. Si può presumere che a causa dell’atmosfera sommessa del soldato, Napoleone fosse diffidente nei confronti di questa nuova droga. I futuri governi francesi hanno condiviso le sue opinioni. I francesi coloniali credevano che la marijuana causasse violenza, follia e comportamento criminale nei musulmani nordafricani che avevano soggiogato. In una vena tristemente familiare di Anslinger, l’hanno definita “folie haschischique”, che sostanzialmente si traduce in ” follia”.


La posizione negativa della Francia sulla cannabis può essere ricondotta a Napoleone.
La pianta fu bandita per uso medico nel 1953 dopo che i medici francesi scoprirono che non curava il colera. Non abbiamo idea del perché questo sia stato il punto di rottura.

Quando l’impero francese si dissolse nel 1970, i politici francesi votarono per vietare l’uso di marijuana in tutta la nazione. Ciò era in parte dovuto ai timori di un afflusso di arabi e africani nel loro paese dagli ex territori coloniali. Poiché l’uso di marijuana era culturalmente legato agli arabi musulmani, la criminalizzazione è diventata un altro modo per opprimere la popolazione minoritaria.

Oggi, la metà dei quasi 70.000 prigionieri sono uomini musulmani di origine araba, nonostante costituiscano solo il 9% della popolazione. Si stima che uno su sei di questi prigionieri sia incarcerato per cannabis.
La Francia ha solo aumentato la repressione della cannabis dagli anni ’70. A partire dal 2010, l’86% dei 117.421 arresti per droga erano per possesso o distribuzione di cannabis e gli arresti annuali per consumo di cannabis sono saliti alle stelle a poco meno di 140.000 nel 2015. Il possesso può comportare un anno di carcere e una multa di 1.450 euro.

L’opposizione a questa politica è in crescita da anni.

Studio medico

I sostenitori e i ricercatori della marijuana medica spingono per uno studio medico dal 2013. L’anno scorso, in una lettera aperta pubblicata sulla rivista L’Obs, dozzine di economisti, politici e medici francesi hanno denunciato il fallimento delle leggi anti-cannabis e spinto per la legalizzazione. Questo è stato seguito dal consiglio consultivo economico del Primo Ministro che ha pubblicato un rapporto che definisce il divieto della cannabis un fallimento e raccomanda la legalizzazione per motivi economici.

Nonostante il miserabile fallimento della marijuana nella cura del colera, l’establishment medico francese è disposto a riprovarci.

A partire da marzo 2021 e per i prossimi due anni , 3000 cittadini francesi riceveranno prodotti a base di cannabis gratuiti per curare i loro problemi medici. I prodotti a base di cannabis sono forniti da società straniere che collaborano con il governo e includeranno pillole, oli e fiori secchi, ma i pazienti non potranno fumare alcun prodotto.

Si spera che questo studio medico possa influenzare il futuro della legalizzazione della marijuana medica in Francia.
Lo studio accetta solo pazienti affetti da malattie gravi per le quali altre forme di cure mediche sono insufficienti o non ritenute sufficientemente efficaci. Questo copre problemi come l’epilessia, il dolore cronico o la sclerosi multipla. La cannabis sarà prescritta anche ai pazienti che stanno affrontando gli effetti secondari di trattamenti come la chemioterapia .

Questo non è considerato uno studio farmacologico, poiché a nessun paziente verrà somministrato un placebo per testare l’efficacia in doppio cieco. Invece, ricercatori e medici monitoreranno frequentemente i pazienti, comprese le quantità che stanno usando, i benefici che riportano e la frequenza con cui consumano cannabis.

Dopo due anni, i ricercatori determineranno se i prodotti a base di cannabis sono stati in grado di soddisfare i bisogni e curare i pazienti in modi che altri interventi medici non potrebbero. La speranza è di convincere ulteriormente il governo e l’establishment medico francese che il loro scetticismo sulla cannabis è ingiustificato.

Qual è il futuro della cannabis in Francia?

La Francia si unirà ai vicini Belgio, Lussemburgo e Svizzera nel depenalizzare completamente l’uso ricreativo della cannabis? Nello spirito nazionale di “Libertà, uguaglianza e fratellanza” e nello sforzo di sondare le acque per la futura legalizzazione della cannabis, il governo francese ha lanciato una consultazione pubblica sulla legalizzazione all’inizio di quest’anno. Finora hanno risposto oltre 200.000 cittadini (la cifra normale è di 30.000) e possiamo presumere che il feedback schiacciante alla legalizzazione sia “ Oui, s’il vous plait. “ Con il crescente sostegno popolare dell’opinione pubblica, dei politici locali, tra cui metà dei sindaci di Parigi , e delle elezioni in vista del prossimo anno, la Francia potrebbe iniziare il lungo processo di depenalizzazione.

A breve termine, 3.000 persone che soffrono potrebbero provare un sollievo impossibile senza la cannabis medica, il che è di per sé una vittoria.