Pubblicato il

Francia: sospeso il divieto di vendita allo stato grezzo di fiori e foglie di varietà di cannabis prive di proprietà narcotiche

Sequestrato dai commercianti del settore, il giudice in camera di consiglio di Stato sospende temporaneamente il divieto di commercializzazione allo stato grezzo di fiori e foglie di alcune varietà di cannabis, anche se il loro contenuto di THC è inferiore allo 0,3%. Il giudice ha osservato che questa soglia, al di sotto della quale i prodotti sono privi di proprietà narcotiche, è quella utilizzata dalla normativa per autorizzare la coltivazione, l’importazione, l’esportazione e l’uso industriale e commerciale di alcune varietà di cannabis.

Il codice di sanità pubblica (articolo R. 5132-86) vieta la produzione, la fabbricazione, il trasporto, l’importazione, l’esportazione, il possesso, l’offerta, il trasferimento, l’acquisizione o l’uso di cannabis (piante, resine e prodotti derivati). Ma questo stesso articolo prevede che “la coltivazione, l’importazione, l’esportazione e l’uso industriale e commerciale di varietà di cannabis prive di proprietà narcotiche” possano essere autorizzate.

Sulla base di tale deroga, il decreto ministeriale 30 dicembre 2021 ha autorizzato “la coltivazione, l’importazione, l’esportazione e l’uso industriale e commerciale di sole varietà di cannabis sativa L. il cui contenuto delta-9 -tetraidrocannabinolo (THC) non è superiore a 0,3%”. Questa soglia di THC è quindi, per quanto riguarda il codice di sanità pubblica, quella al di sotto della quale le varietà di cannabis sono prive di proprietà narcotiche.

 Tuttavia, lo stesso decreto ministeriale vieta la vendita ai consumatori di fiori e foglie allo stato grezzo di queste stesse varietà, anche se il contenuto di THC di questi fiori e foglie è inferiore alla soglia dello 0,3%. 

Diverse aziende che già commercializzano prodotti derivati ​​da queste varietà di cannabis, sulla base di un precedente decreto ministeriale, hanno impugnato con urgenza tale divieto.

Il giudice della camera di consiglio del Consiglio di Stato ritiene che vi sia un serio dubbio sulla legittimità di tale provvedimento di divieto generale e assoluto a causa della sua natura sproporzionata. 

Non risulta infatti, al termine dell’indagine contraddittoria e degli scambi avvenuti in udienza pubblica, che i fiori e le foglie della cannabis sativa L. il cui contenuto di THC sia inferiore allo 0,3 % presentino un grado di nocività per sanitario che giustifichi un provvedimento di divieto totale e assoluto: tale soglia è proprio quella trattenuta dallo stesso decreto impugnato per caratterizzare le piante di cannabis autorizzate alla coltivazione, all’importazione, all’esportazione e all’uso industriale.

In attesa che il Consiglio di Stato si pronunci definitivamente sulla fondatezza della legittimità del decreto impugnato, il giudice in camera di consiglio sospende provvisoriamente il divieto impugnato. 

Per saperne di più

– Decisione n. 460055

–  Comunicato stampa

Pubblicato il

Erba legale in Francia? Aggiornamento sulla marijuana medica e sulla legalizzazione

Per una nazione nota principalmente per il buon vino, la buona cucina e il disprezzo generale per il vino e la cucina di altre nazioni, l’amore francese per la marijuana è passato inosservato. Secondo quanto riferito, la Francia ha il più alto livello di consumo di cannabis tra i suoi cittadini in tutta l’Europa continentale, con tassi di consumo intorno all’11% a partire dal 2017. Questo nonostante la forte posizione anti-cannabis del governo francese, che ha emesso alcune delle sanzioni più dure.

Tuttavia, la posizione del governo francese sulla cannabis potrebbe ammorbidirsi. Come possibile antipasto alla futura legalizzazione, la Francia sta lanciando il suo primo studio sulla cannabis medica dagli anni ’50. Nel corso di due anni, 3.000 pazienti riceveranno marijuana medica per testare gli effetti benefici della pianta sulle loro condizioni.

È questo il primo passo della Francia verso la legalizzazione della marijuana medica? Come viene condotto esattamente questo studio? La Francia si unirà ai suoi vicini nella depenalizzazione della cannabis? Probabilmente, ma prima, è importante capire il contesto storico del proibizionismo della cannabis in Francia.

Perché l’erba è illegale in Francia?

La storia della Francia con la cannabis risale al 1798, quando i soldati di Napoleone invasero l’Egitto. Le truppe hanno iniziato a fumare erba perché nel paese musulmano non si trovava né vino né alcol. Si può presumere che a causa dell’atmosfera sommessa del soldato, Napoleone fosse diffidente nei confronti di questa nuova droga. I futuri governi francesi hanno condiviso le sue opinioni. I francesi coloniali credevano che la marijuana causasse violenza, follia e comportamento criminale nei musulmani nordafricani che avevano soggiogato. In una vena tristemente familiare di Anslinger, l’hanno definita “folie haschischique”, che sostanzialmente si traduce in ” follia”.


La posizione negativa della Francia sulla cannabis può essere ricondotta a Napoleone.
La pianta fu bandita per uso medico nel 1953 dopo che i medici francesi scoprirono che non curava il colera. Non abbiamo idea del perché questo sia stato il punto di rottura.

Quando l’impero francese si dissolse nel 1970, i politici francesi votarono per vietare l’uso di marijuana in tutta la nazione. Ciò era in parte dovuto ai timori di un afflusso di arabi e africani nel loro paese dagli ex territori coloniali. Poiché l’uso di marijuana era culturalmente legato agli arabi musulmani, la criminalizzazione è diventata un altro modo per opprimere la popolazione minoritaria.

Oggi, la metà dei quasi 70.000 prigionieri sono uomini musulmani di origine araba, nonostante costituiscano solo il 9% della popolazione. Si stima che uno su sei di questi prigionieri sia incarcerato per cannabis.
La Francia ha solo aumentato la repressione della cannabis dagli anni ’70. A partire dal 2010, l’86% dei 117.421 arresti per droga erano per possesso o distribuzione di cannabis e gli arresti annuali per consumo di cannabis sono saliti alle stelle a poco meno di 140.000 nel 2015. Il possesso può comportare un anno di carcere e una multa di 1.450 euro.

L’opposizione a questa politica è in crescita da anni.

Studio medico

I sostenitori e i ricercatori della marijuana medica spingono per uno studio medico dal 2013. L’anno scorso, in una lettera aperta pubblicata sulla rivista L’Obs, dozzine di economisti, politici e medici francesi hanno denunciato il fallimento delle leggi anti-cannabis e spinto per la legalizzazione. Questo è stato seguito dal consiglio consultivo economico del Primo Ministro che ha pubblicato un rapporto che definisce il divieto della cannabis un fallimento e raccomanda la legalizzazione per motivi economici.

Nonostante il miserabile fallimento della marijuana nella cura del colera, l’establishment medico francese è disposto a riprovarci.

A partire da marzo 2021 e per i prossimi due anni , 3000 cittadini francesi riceveranno prodotti a base di cannabis gratuiti per curare i loro problemi medici. I prodotti a base di cannabis sono forniti da società straniere che collaborano con il governo e includeranno pillole, oli e fiori secchi, ma i pazienti non potranno fumare alcun prodotto.

Si spera che questo studio medico possa influenzare il futuro della legalizzazione della marijuana medica in Francia.
Lo studio accetta solo pazienti affetti da malattie gravi per le quali altre forme di cure mediche sono insufficienti o non ritenute sufficientemente efficaci. Questo copre problemi come l’epilessia, il dolore cronico o la sclerosi multipla. La cannabis sarà prescritta anche ai pazienti che stanno affrontando gli effetti secondari di trattamenti come la chemioterapia .

Questo non è considerato uno studio farmacologico, poiché a nessun paziente verrà somministrato un placebo per testare l’efficacia in doppio cieco. Invece, ricercatori e medici monitoreranno frequentemente i pazienti, comprese le quantità che stanno usando, i benefici che riportano e la frequenza con cui consumano cannabis.

Dopo due anni, i ricercatori determineranno se i prodotti a base di cannabis sono stati in grado di soddisfare i bisogni e curare i pazienti in modi che altri interventi medici non potrebbero. La speranza è di convincere ulteriormente il governo e l’establishment medico francese che il loro scetticismo sulla cannabis è ingiustificato.

Qual è il futuro della cannabis in Francia?

La Francia si unirà ai vicini Belgio, Lussemburgo e Svizzera nel depenalizzare completamente l’uso ricreativo della cannabis? Nello spirito nazionale di “Libertà, uguaglianza e fratellanza” e nello sforzo di sondare le acque per la futura legalizzazione della cannabis, il governo francese ha lanciato una consultazione pubblica sulla legalizzazione all’inizio di quest’anno. Finora hanno risposto oltre 200.000 cittadini (la cifra normale è di 30.000) e possiamo presumere che il feedback schiacciante alla legalizzazione sia “ Oui, s’il vous plait. “ Con il crescente sostegno popolare dell’opinione pubblica, dei politici locali, tra cui metà dei sindaci di Parigi , e delle elezioni in vista del prossimo anno, la Francia potrebbe iniziare il lungo processo di depenalizzazione.

A breve termine, 3.000 persone che soffrono potrebbero provare un sollievo impossibile senza la cannabis medica, il che è di per sé una vittoria.

Pubblicato il

La Macedonia legalizza la cannabis ricreativa

La Macedonia del Nord potrebbe diventare il primo paese dei Balcani a consentire l’uso ricreativo della marijuana, ha detto venerdì il primo ministro Zoran Zaev, aggiungendo che il suo governo sta considerando Amsterdam come un esempio. Canapaland è in prima linea nella prossima legalizzazione, inesorabilmente.

* * * 

Il Primo Ministro della Macedonia: Zoran Zaev ha appena annunciato la depenalizzazione e legalizzazione della cannabis per una serie di destinazioni turistiche. Per stimolare l’economia del suo paese, si parla di creare una nuova Amsterdam in Macedonia del Nord con i suoi Coffee Shop. L’obiettivo. Stimolare l’economia.

In un’intervista televisiva con ” Deutsche Welle ” in macedone, il primo ministro ha successivamente affermato:

“La depenalizzazione e la legalizzazione della marijuana possono aiutare molto il turismo e l’ospitalità, il piano è di controllarla come ad Amsterdam. 

L’idea è di dare marijuana in luoghi turistici, inclusa Skopje, per consumare marijuana in caffè esistenti e nuovi, per avere determinati standard di ventilazione e prove dell’origine di questa Cannabis. ” Zoran Zaev – Fonte –

Secondo Zaev, il piano è oggetto di un dibattito pubblico e, se l’opinione pubblica generale si dimostrerà positiva, la legge in materia sarà redatta e probabilmente adottata a passo spedito dal suo governo.

“Penso che possa portare un serio sviluppo della ristorazione e del turismo in un piccolo paese, tenendo presente le nostre belle località turistiche: Struga, Ohrid, Resen, Dojran, Skopje, Berovo, Mavrovo e tutti gli altri ” Zoran Zaev –  Fonte  –

* * * 

Più che mai un semplice sguardo oltre i confini permette di rendersi conto che viviamo bene in una dittatura del pensiero. Ovviamente le autorità probabilmente non saranno in grado di contenere a lungo il maremoto dell’onda verde contro la volontà del loro popolo.

La strumentalizzazione è smussata, la menzogna non regge più, presto avremo dozzine di esempi di legalizzazioni controllate che funzionano…. tutto quello che devi fare è aprire gli occhi.

Pubblicato il

Sentenza storica della Cassazione sulla Coltivazione della Cannabis in casa

Coltivare Cannabis in casa per uso personale non costituisce reato.

I kit per la coltivazione dei semi di cannabis sul balcone di casa sono ormai assai diffusi, venduti anche on line su siti specializzati di internet, ma si incorreva in rischi da un punto di vista legale, finora a livello giuridico non c’era mai stata un’apertura vera in questa direzione.

Il 19 dicembre del 2019 le sezioni unite penali della Cassazione ha depositato una sentenza senza precedenti.

“Non costituiscono reato le attività di coltivazione di minime dimensioni svolte in forma domestica. Attività di coltivazione che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante ed il modesto quantitativo di prodotto ricavabile appaiono destinate in via esclusiva all’uso personale del coltivatore”.

Per quantità minime e ad uso personale la coltivazione casalinga della Cannabis è stata depenalizzata.

Un tema sul quale la Consulta si era pronunciata più volte, stabilendo in linea di principio che la coltivazione della cannabis costituisce sempre un reato, al di là della quantità, dall’uso personale che se ne può fare e dalla presenza dei cosiddetti principi attivi.

E così la Cassazione, adattandosi a quanto chiarito dalla Consulta, ha finora sostenuto che la coltivazione di marijuana, anche se per piccolissime dosi (una o due piantine) è sempre reato, a prescindere dallo stato in cui si trovi la pianta al momento dell’arrivo del controllo. Ora – si attendono le motivazioni della pronuncia del 19 dicembre – c’è stato un ribaltamento del principio fin qui stabilito. Sono le sezioni unite penali ad aver mettere un punto fermo dettando un’unica linea e uniformando il trattamento per i coltivatori di “erba” in casa. “Il reato di coltivazione di stupefacente – si legge nella massima provvisoria emessa dalla Corte dopo l’udienza del 19 dicembre – è configurabile indipendentemente dalla quantità di principio attivo ricavabile nell’immediatezza, essendo sufficienti la conformità della pianta al tipo botanico previsto e la sua attitudine, anche per le modalità di coltivazione, a giungere a maturazione e a produrre sostanza stupefacente”; “Devono però ritenersi escluse – ed è qui il punto di svolta -, in quanto non riconducibile all’ambito di applicazione della norma penale, le attività di coltivazione di minime dimensioni, svolte in forma domestica che per le rudimentali tecniche utilizzate, lo scarso numero di piante, il modestissimo quantitativo di prodotto ricavabile, la mancanza di ulteriori indici di un loro inserimento nell’ambito del mercato degli stupefacenti, appaiono destinate i via esclusiva all’uso personale del coltivatore”.

Esulta Mantero del Movimento 5 Stelle. «la Cassazione ha aperto la strada, ora tocca a noi. Fino a questa storica sentenza comprare Cannabis dallo spacciatore, alimentando la criminalità e mettendo a rischio la propria salute con prodotti dubbi, non costituiva reato penale mentre coltivare alcune piante sul proprio balcone per uso personale poteva costare il carcere»

“Oggi si mette fine alla stortura tutta italiana di una legge che consegnava il mercato monopolista delle droghe leggere nelle mani della mafia. Adesso è arrivato il momento che il legislatore si svegli, la smetta di sottrarsi al proprio dovete e si decida ad affrontare questi temi “scivolosi” o “divisivi”, qualsiasi cosa vogliano dire questi aggettivi”, scrive Mantero che conclude: “La mia proposta per regolamentare l’auto produzione è già depositata da inizio legislatura, può essere un punto di partenza. Diamoci da fare”.

Per Giovanni D’Agata, presidente dello ”Sportello dei Diritti”, è giunto il momento che il legislatore prenda una posizione definitiva sulla legalizzazione o meno della cannabis e dei suoi derivati.

Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu ha commentato la decisione della Corte di Cassazione in merito alla coltivazione domestica della Cannabis.

Fratoianni: “Scelta di buon senso della Cassazione”. Nicola Fratoianni di Sinistra Italiana-Leu ha commentato la decisione presa della Corte di Cassazione in merito alla possibilità di coltivare Cannabis in piccole quantità.

“Quella delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione è una scelta di giustizia ed è sopratutto una scelta di buon senso”, ha detto Fratoianni parlando della sentenza della Corte per cui non costituirebbe reato la coltivazione domestica di piccole quantità di Cannabis.

“Lo Stato deve colpire al cuore gli affari delle mafie e non limitarsi a colpire milioni di consumatori di Cannabis, impegnando inutilmente le forze dell’ordine. La verità è che prima o poi in Italia bisognerà legalizzare l’uso della Cannabis”, ha proseguito Fratoianni, sostenendo che “ce lo dice l’esperienza di quei Paesi che lo hanno fatto in questi anni, ce lo dice la cattiva esperienza di chi continua ad agitare argomenti inutili e pericolosi”

“E nei prossimi mesi questo Parlamento potrebbe trovare, e me lo auguro davvero, una via d’uscita legislativa seria e ragionevole”

Dunque se si coltiva senza intenzione di spacciare e non si pregiudica la salute dei cittadini, non si rischia il carcere.