Pubblicato il

L’ONU da il via alla cannabis medicinale ma non riesce a sfidare l’eredità coloniale del suo divieto

PER IL RILASCIO IMMEDIATO

L’ONU dà il via alla cannabis medicinale ma non riesce a sfidare l’eredità coloniale del suo divieto

Vienna, 2 dicembre 2020.

  • In una votazione storica, le Nazioni Unite (ONU) hanno finalmente riconosciuto il valore medicinale della cannabis.
  • Un gruppo di importanti organizzazioni per la politica sulle droghe ha accolto con favore la mossa, ma ha anche espresso delusione per il fatto che questa riforma non si spinge abbastanza lontano, poiché la cannabis rimane classificata a livello internazionale insieme a droghe come eroina e cocaina.
  • La revisione stava rivisitando le decisioni sulla pianificazione della cannabis prese negli anni ’50, che erano guidate da atteggiamenti razzisti e coloniali prevalenti, e non basate su valutazioni scientifiche. Questo è rimasto incontrastato.

Dopo due anni di dibattiti litigiosi, oggi a Vienna la Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (CND) ha votato per rimuovere la cannabis dalla Tabella IV della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, riservata a sostanze controllate con beneficio terapeutico limitato o nullo. In tal modo, le Nazioni Unite riconoscono finalmente il valore terapeutico della cannabis, rafforzando così l’imperativo internazionale per garantire l’accesso ai medicinali a base di cannabis. Questa è una buona notizia per i milioni di persone che usano la cannabis per scopi terapeutici e riflette la realtà del mercato in crescita dei medicinali a base di cannabis.

Pur accogliendo con favore la rimozione dalla Tabella IV, gli esperti di politica sulle droghe hanno espresso serie preoccupazioni sul fatto che la cannabis rimarrà nella Tabella I della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, mantenendola sotto gli stessi severi controlli dell’eroina e della cocaina. A seguito della prima revisione scientifica in assoluto della cannabis da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2018, è stata raccomandata una riprogrammazione limitata della cannabis, ma rimuoverla dal programma I non faceva parte del pacchetto nonostante la stessa conclusione dell’OMS che la cannabis fosse meno dannosa rispetto alla maggior parte degli altri farmaci in quel programma.

La revisione sulla cannabis sottolinea anche la profonda disconnessione tra il processo decisionale negli organismi internazionali e il crescente slancio per la riforma della politica sulla droga in tutto il mondo. Più di 50 paesi in tutto il mondo hanno adottato programmi di cannabis medicinale, mentre Uruguay, Canada, Messico, Lussemburgo, 15 stati degli Stati Uniti e molte altre giurisdizioni hanno spostato, o si stanno trasferendo, per regolamentare legalmente la cannabis per uso non medico. Resistendo alle prove e al cambiamento, il sistema internazionale di controllo della droga corre il rischio di diventare sempre più isolato e irrilevante.

“Accogliamo con favore il riconoscimento atteso da tempo che la cannabis è una medicina. Tuttavia, questa riforma da sola è lungi dall’essere adeguata dato che la cannabis rimane programmata in modo errato a livello internazionale. La decisione originale di vietare la cannabis mancava di basi scientifiche ed era radicata nel pregiudizio coloniale e nel razzismo. Ha ignorato i diritti e le tradizioni delle comunità che hanno coltivato e utilizzato la cannabis per scopi medicinali, terapeutici, religiosi e culturali per secoli e ha portato milioni di persone a essere criminalizzate e incarcerate in tutto il mondo. Il processo di revisione è stata un’opportunità persa per correggere quell’errore storico “, ha affermato Ann Fordham, Direttore esecutivo dell’International Drug Policy Consortium .

Il conteggio finale sulla rimozione della cannabis dalla Tabella IV è stato molto vicino, con 27 voti a favore e 25 contrari, con 1 astensione. La Federazione Russa aveva mobilitato un blocco di paesi – inclusi 15 stati membri votanti della CND – dietro una posizione comune , sostenendo “di non apportare modifiche alla programmazione della cannabis” perché “porterebbe a confusione e allentamento del quadro normativo internazionale stabilito “. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno votato a favore dell’eliminazione della cannabis dalla Tabella IV, ma si sono mobilitati per affermare un presunto consenso globale sul fatto che la cannabis dovrebbe rimanere soggetta alla “piena portata dei controlli internazionali”. Secondo John Walsh, direttore per le politiche sulle droghe presso l’Ufficio di Washington per l’America Latina, la mossa degli Stati Uniti rappresenta “un tentativo poco convincente di presentare una parvenza di consenso, celebrando che la cannabis rimane rigorosamente programmata a livello internazionale, proprio nella stessa settimana in cui la Camera dei Rappresentanti si prepara a votare sulla legislazione che rimuoverebbe la cannabis dalle sostanze poste sotto legge federale sulle sostanze controllate ”.

Martin Jelsma, direttore del programma Drugs and Democracy presso il Transnational Institute, ha detto: “Oggi la comunità internazionale fa un passo avanti con questa piccola vittoria sulla cannabis medicinale, ma la decolonizzazione e la modernizzazione del regime del trattato sulla droga delle Nazioni Unite è solo all’inizio. Il risultato di questo processo di revisione ha dimostrato ancora una volta che la Convenzione Unica del 1961 è uno strumento obsoleto e troppo brusco per adempiere al suo mandato di protezione della salute e del benessere dell’umanità. Ha anche dimostrato la profonda divisione e paralisi all’interno del sistema internazionale di controllo della droga. Con pochi segni di riconciliazione tra i paesi riformisti e i difensori dello status quo della guerra alla droga, i riformatori continueranno a seguire una via da seguire che non dipende da un consenso a Vienna, come testimoniato dalle riforme nazionali attualmente in corso intorno al mondo”.