Pubblicato il

La cannabis effettivamente contrasta l’infezione da coronavirus?

L’ effetto del CBGA e del CBDA sul Coronavirus

Lo studio, pubblicato sul Journal of Natural Products , ha rilevato che “i composti di cannabis hanno impedito al virus che causa il Covid-19 di penetrare nelle cellule umane sane”.

Secondo gli autori dello studio , “l’acido cannabigerolico e l’acido cannabidiolico hanno impedito l’infezione delle cellule epiteliali umane da parte di uno pseudovirus che esprime la proteina spike SARS-CoV-2 e hanno impedito l’ingresso di SARS-CoV-2 vivo nelle cellule”, mentre “l’acido cannabigerolico e l’acido cannabidiolico erano ugualmente efficaci contro la variante alfa SARS-CoV-2 B.1.1.7 e la variante beta B.1.351. 

I due composti che si trovano comunemente nella canapa – chiamati acido cannabigerolico o CBGA e acido cannabidiolico o CBDA – sono stati identificati durante uno sforzo di screening chimico come aventi un potenziale per combattere il coronavirus, hanno affermato i ricercatori della Oregon State University. Nello studio, si sono legati alle proteine ​​spike trovate sul virus e hanno bloccato un passaggio che l’agente patogeno usa per infettare le persone. I ricercatori hanno testato l’effetto dei composti contro le varianti alfa e beta del virus in un laboratorio. Lo studio non ha comportato la somministrazione di integratori alle persone o il confronto dei tassi di infezione in coloro che usano il CBGA o il CBDA con quelli che non lo fanno.

“Questi composti possono essere assunti per via orale e hanno una lunga storia di uso sicuro negli esseri uman”, ha affermato in una dichiarazione Richard van Breemen, ricercatore del Global Hemp Innovation Center dello Stato dell’Oregon,  . “Hanno il potenziale per prevenire e curare l’infezione da SARS-CoV-2”.

Ci sono alcuni dettagli da tenere a mente. Lo studio in vitro dell’Oregon State University non si è spinto fino alle sperimentazioni sull’uomo, poiché i limiti nella ricerca sulla cannabis medica continuano a essere la norma. Inoltre, l’acido cannabigerolico e l’acido cannabidiolico vengono convertiti in altri composti dopo la decarbossilazione e/o il fumo. Quindi fumare, ad esempio, probabilmente non è un modo efficace per ottenere questi benefici.

“Il recente studio condotto dai ricercatori dell’Oregon State University sottolinea ciò che sappiamo da anni: il CBDA ha proprietà medicinali. Il grande risultato di questo studio, tuttavia, è che i composti che aiutano a prevenire l’ingresso del virus che causa il COVID-19 nelle cellule umane sono l’acido cannabigerolico, o CBGA, e l’acido cannabidiolico, CBDA,  NON  i composti generici di CBD che si trovano in così tanti prodotti di canapa oggi”, ha detto a High Times Inesa Ponomariovaite, CEO di Nesas Hemp. “Questo perché CBGA e CBDA sono prodotti utilizzando canapa viva e cruda, il che garantisce che i composti sani che si trovano naturalmente nella pianta finiscano nel prodotto finale che viene infine consumato dalle persone. I normali prodotti a base di CBD sono spesso realizzati bruciando la pianta, che non solo è cancerogena, ma danneggia anche la struttura molecolare della pianta e ne modifica le proprietà medicinali. In effetti, la ricerca mostra che il CBDA è spesso 1.000 volte più potente del CBD e aiuta a ridurre l’infiammazione, migliora la digestione, rafforza il sistema immunitario, migliora il sonno e stabilizza l’umore”.

Ponomariovaite ha continuato, affermando che “attualmente, la maggior parte dei prodotti CBD utilizza temperature estreme e altri processi dannosi per estrarre i cannabinoidi dalla pianta di canapa per produrre l’estratto di canapa, noto anche come olio di canapa. Questo danneggia gli acidi cannabinoidi naturali e le proprietà medicinali presenti nella pianta”.

Lo studio è diventato virale e ha anche suscitato risate e note di cautela da parte degli esperti. Le rivelazioni si sono rivelate foraggio di qualità per i monologhi a tarda notte.

L’uso di cannabis non sostituirà le vaccinazioni contro il coronavirus

Come ha spiegato Chris Roberts a Forbes , ciò che lo studio dell’Oregon State mostra è che “che alcuni preparati derivati ​​dalla cannabis, somministrati nella giusta quantità, potrebbero aiutare le persone a combattere il Covid-19”

“Ciò che questa ricerca non significa è che fumare cannabis aiuta a proteggerti dal coronavirus, o che ‘l’erba ferma il Covid’ (almeno in senso pratico), o che il motivo per cui qualcuno si è ammalato di Covid mentre qualcun altro no aveva qualcosa a che fare con la cannabis”, ha scritto Roberts .

Forbes ha evidenziato alcuni altri motivi per andare cauti riguardo allo studio, con il dottor Mikael Sodergren, il capo del gruppo di ricerca sulla cannabis medica dell’Imperial College London, dicendo allo sbocco che i risultati dovrebbero ancora essere “confermati su modelli animali e testati sull’uomo in test clinici.”

Pubblicato il

L’ONU da il via alla cannabis medicinale ma non riesce a sfidare l’eredità coloniale del suo divieto

PER IL RILASCIO IMMEDIATO

L’ONU dà il via alla cannabis medicinale ma non riesce a sfidare l’eredità coloniale del suo divieto

Vienna, 2 dicembre 2020.

  • In una votazione storica, le Nazioni Unite (ONU) hanno finalmente riconosciuto il valore medicinale della cannabis.
  • Un gruppo di importanti organizzazioni per la politica sulle droghe ha accolto con favore la mossa, ma ha anche espresso delusione per il fatto che questa riforma non si spinge abbastanza lontano, poiché la cannabis rimane classificata a livello internazionale insieme a droghe come eroina e cocaina.
  • La revisione stava rivisitando le decisioni sulla pianificazione della cannabis prese negli anni ’50, che erano guidate da atteggiamenti razzisti e coloniali prevalenti, e non basate su valutazioni scientifiche. Questo è rimasto incontrastato.

Dopo due anni di dibattiti litigiosi, oggi a Vienna la Commissione delle Nazioni Unite sugli stupefacenti (CND) ha votato per rimuovere la cannabis dalla Tabella IV della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, riservata a sostanze controllate con beneficio terapeutico limitato o nullo. In tal modo, le Nazioni Unite riconoscono finalmente il valore terapeutico della cannabis, rafforzando così l’imperativo internazionale per garantire l’accesso ai medicinali a base di cannabis. Questa è una buona notizia per i milioni di persone che usano la cannabis per scopi terapeutici e riflette la realtà del mercato in crescita dei medicinali a base di cannabis.

Pur accogliendo con favore la rimozione dalla Tabella IV, gli esperti di politica sulle droghe hanno espresso serie preoccupazioni sul fatto che la cannabis rimarrà nella Tabella I della Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961, mantenendola sotto gli stessi severi controlli dell’eroina e della cocaina. A seguito della prima revisione scientifica in assoluto della cannabis da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2018, è stata raccomandata una riprogrammazione limitata della cannabis, ma rimuoverla dal programma I non faceva parte del pacchetto nonostante la stessa conclusione dell’OMS che la cannabis fosse meno dannosa rispetto alla maggior parte degli altri farmaci in quel programma.

La revisione sulla cannabis sottolinea anche la profonda disconnessione tra il processo decisionale negli organismi internazionali e il crescente slancio per la riforma della politica sulla droga in tutto il mondo. Più di 50 paesi in tutto il mondo hanno adottato programmi di cannabis medicinale, mentre Uruguay, Canada, Messico, Lussemburgo, 15 stati degli Stati Uniti e molte altre giurisdizioni hanno spostato, o si stanno trasferendo, per regolamentare legalmente la cannabis per uso non medico. Resistendo alle prove e al cambiamento, il sistema internazionale di controllo della droga corre il rischio di diventare sempre più isolato e irrilevante.

“Accogliamo con favore il riconoscimento atteso da tempo che la cannabis è una medicina. Tuttavia, questa riforma da sola è lungi dall’essere adeguata dato che la cannabis rimane programmata in modo errato a livello internazionale. La decisione originale di vietare la cannabis mancava di basi scientifiche ed era radicata nel pregiudizio coloniale e nel razzismo. Ha ignorato i diritti e le tradizioni delle comunità che hanno coltivato e utilizzato la cannabis per scopi medicinali, terapeutici, religiosi e culturali per secoli e ha portato milioni di persone a essere criminalizzate e incarcerate in tutto il mondo. Il processo di revisione è stata un’opportunità persa per correggere quell’errore storico “, ha affermato Ann Fordham, Direttore esecutivo dell’International Drug Policy Consortium .

Il conteggio finale sulla rimozione della cannabis dalla Tabella IV è stato molto vicino, con 27 voti a favore e 25 contrari, con 1 astensione. La Federazione Russa aveva mobilitato un blocco di paesi – inclusi 15 stati membri votanti della CND – dietro una posizione comune , sostenendo “di non apportare modifiche alla programmazione della cannabis” perché “porterebbe a confusione e allentamento del quadro normativo internazionale stabilito “. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno votato a favore dell’eliminazione della cannabis dalla Tabella IV, ma si sono mobilitati per affermare un presunto consenso globale sul fatto che la cannabis dovrebbe rimanere soggetta alla “piena portata dei controlli internazionali”. Secondo John Walsh, direttore per le politiche sulle droghe presso l’Ufficio di Washington per l’America Latina, la mossa degli Stati Uniti rappresenta “un tentativo poco convincente di presentare una parvenza di consenso, celebrando che la cannabis rimane rigorosamente programmata a livello internazionale, proprio nella stessa settimana in cui la Camera dei Rappresentanti si prepara a votare sulla legislazione che rimuoverebbe la cannabis dalle sostanze poste sotto legge federale sulle sostanze controllate ”.

Martin Jelsma, direttore del programma Drugs and Democracy presso il Transnational Institute, ha detto: “Oggi la comunità internazionale fa un passo avanti con questa piccola vittoria sulla cannabis medicinale, ma la decolonizzazione e la modernizzazione del regime del trattato sulla droga delle Nazioni Unite è solo all’inizio. Il risultato di questo processo di revisione ha dimostrato ancora una volta che la Convenzione Unica del 1961 è uno strumento obsoleto e troppo brusco per adempiere al suo mandato di protezione della salute e del benessere dell’umanità. Ha anche dimostrato la profonda divisione e paralisi all’interno del sistema internazionale di controllo della droga. Con pochi segni di riconciliazione tra i paesi riformisti e i difensori dello status quo della guerra alla droga, i riformatori continueranno a seguire una via da seguire che non dipende da un consenso a Vienna, come testimoniato dalle riforme nazionali attualmente in corso intorno al mondo”.

Pubblicato il

Il flavonoide della cannabis potrebbe aiutare a curare il cancro al pancreas

Uno studio recente ha concluso che un flavonoide di cannabis non cannabinoide e non psicoattivo, FBL-03G, ha il potenziale per trattare il cancro al pancreas.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Dana Farber Cancer Institute e della Harvard Medical School , ha utilizzato modelli animali per esaminare l’impatto di FBL-03G – un flavonoide derivato dalla  Cannabis sativa  L. – sulla progressione dei tumori. Ha dimostrato l’efficacia terapeutica nella progressione del tumore sia locale che metastatico negli animali con cancro del pancreas.

Utilizzando un trattamento combinato del flavonoide di cannabis FBL-03G come immunoadiuvante,  sono stati condotti studi in vitro con e senza radioterapia (RT), con il flavonoide fornito in modo sostenibile da biomateriali radioterapici intelligenti.

Attualmente, il tasso di sopravvivenza per i tumori pancreatici avanzati è in media di cinque anni, con il trattamento attuale che include opzioni come chemioterapia, radioterapia, immunoterapia e chirurgia, tutte con un successo limitato a causa della natura aggressiva del cancro.

Cos’è un flavonoide di cannabis?

I flavonoidi sono metaboliti secondari che si trovano nelle piante e nei funghi e quelli che si trovano solo nella cannabis sono noti come cannaflavine. Questi danno alla pianta il colore per attirare gli impollinatori, lavorano in combinazione con i terpeni per dare alla pianta il suo gusto e aroma e proteggerla da parassiti e malattie.

Sebbene i flavonoidi siano ampiamente sottovalutati, stiamo imparando di più su di loro man mano che vengono condotte ulteriori ricerche. Numerosi studi recenti hanno rivelato molti benefici farmacologici per i flavonoidi trovati specificamente nella pianta di cannabis.

Efficacia terapeutica

Lo studio, pubblicato su Frontiers in Oncology , ha condotto ripetuti esperimenti che hanno mostrato aumenti significativi del tasso di sopravvivenza per gli animali con cancro al pancreas rispetto ai gruppi di controllo.

Lo studio ha affermato: “ Mentre sono in corso studi per affrontare il meccanismo specifico per questo potenziale immunoterapico di questo derivato della cannabis, la possibilità di sfruttare un tale approccio terapeutico per trattare le metastasi o aumentare la sopravvivenza è significativa, dato che la maggior parte dei pazienti con cancro del pancreas viene diagnosticata. già con malattia metastatica, con opzioni di trattamento limitate.

“I risultati evidenziano il potenziale dell’utilizzo di derivati ​​non cannabinoidi e non psicoattivi della cannabis per tale trattamento. Ulteriori lavori per ottimizzare l’efficacia terapeutica per tali derivati ​​della cannabis e valutare la tossicità potrebbero preparare il terreno per la traduzione clinica.

“I risultati dell’FBL-03G rivelano un nuovo potenziale derivato della cannabis non cannabinoide con un grande potenziale da prendere in considerazione in ulteriori indagini nel trattamento del cancro del pancreas, dove sono urgentemente necessarie nuove opzioni terapeutiche.”

Crescita tumorale inibita in altre parti del corpo

I ricercatori sono rimasti sorpresi da alcuni dei risultati senza precedenti nello studio che hanno dimostrato che il flavonoide della cannabis ha anche inibito la progressione del tumore in altre parti del corpo in cui il cancro si era diffuso.

Lo studio ha somministrato il rilascio prolungato del derivato flavonoide della cannabis FBL-03G da biomateriali radioterapici intelligenti (SRB) che ha provocato l’inibizione della crescita tumorale di tumori trattati localmente e non trattati a distanza, con e senza radioterapia.

Lo studio ha osservato: “ Il carico utile FBL-03G utilizzato in questo studio è un derivato flavonoide non cannabinoide della cannabis e il potenziale di inibire la progressione del tumore sia locale che metastatico è notevole, specialmente per il cancro del pancreas , con una triste sopravvivenza a cinque anni tasso dell’8%. “

Pubblicato il

5 Vantaggi e usi del CBD

Curioso perché vedi CBD ovunque? Pensi che sembra troppo bello per essere vero? Non sei sicuro di come usarlo?

1. Gestire lo stress e l’ansia, naturalmente:

Un regime quotidiano con CBD riduce la risposta allo stress naturale del tuo corpo e gli ormoni dello stress (ciao cortisolo!).

Come un termostato, il CBD entra in azione quando ne hai bisogno, riportandoti in equilibrio e in uno stato confortevole. Il CBD aiuta il nostro corpo, accende il cervello e riduce la degradazione di importanti sostanze chimiche che produciamo come la serotonina e l’anandamide (ovvero la molecola della “beatitudine”). Il risultato è una vita piena di più gioia e relax … e molto meno stress.

2. Ridurre il dolore e l’infiammazione:

Sia l’erogazione sublinguale (sotto la lingua) sia l’uso topico, sono altamente efficaci per ridurre il dolore cronico e l’infiammazione. Uno studio del 2015 ha concluso che i topi trattati con CBD topico per l’artrite avevano significativamente meno infiammazione e segnali di dolore dopo soli quattro giorni senza effetti collaterali.

3. Migliora il tuo sonno:

Ottieni il tuo sonno e sentiti ringiovanito. Esistono molti modi in cui il CBD può supportare un sonno più riposante e più profondo riducendo il dolore cronico, l’ansia e altre sfide che ci impediscono di dormire profondamente. Inoltre può aiutare a ridurre il disturbo del sonno REM. REM paralizza il corpo durante il sonno per prevenire la reazione fisica ai sogni.

4. Guarisci senza abitudine:

Il CBD non crea dipendenza. In effetti, più lo usi, meglio funziona (praticamente l’opposto di qualsiasi droga che crea dipendenza). I nostri corpi non costruiscono una tolleranza per il composto!

5. Non sballa:

Il CBD non è psicoattivo o psicotropico? Sì,  è derivato dalla cannabis, tuttavia contiene solo tracce (o 0%) di THC composto, che ha l’effetto alterante. Ciò significa che non ti rende alto (o alterato). Invece di farti sballare, guarisce, riducendo stress, ansia, dolore e infiammazione con completa chiarezza mentale.