Pubblicato il

Il flavonoide della cannabis potrebbe aiutare a curare il cancro al pancreas

Uno studio recente ha concluso che un flavonoide di cannabis non cannabinoide e non psicoattivo, FBL-03G, ha il potenziale per trattare il cancro al pancreas.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Dana Farber Cancer Institute e della Harvard Medical School , ha utilizzato modelli animali per esaminare l’impatto di FBL-03G – un flavonoide derivato dalla  Cannabis sativa  L. – sulla progressione dei tumori. Ha dimostrato l’efficacia terapeutica nella progressione del tumore sia locale che metastatico negli animali con cancro del pancreas.

Utilizzando un trattamento combinato del flavonoide di cannabis FBL-03G come immunoadiuvante,  sono stati condotti studi in vitro con e senza radioterapia (RT), con il flavonoide fornito in modo sostenibile da biomateriali radioterapici intelligenti.

Attualmente, il tasso di sopravvivenza per i tumori pancreatici avanzati è in media di cinque anni, con il trattamento attuale che include opzioni come chemioterapia, radioterapia, immunoterapia e chirurgia, tutte con un successo limitato a causa della natura aggressiva del cancro.

Cos’è un flavonoide di cannabis?

I flavonoidi sono metaboliti secondari che si trovano nelle piante e nei funghi e quelli che si trovano solo nella cannabis sono noti come cannaflavine. Questi danno alla pianta il colore per attirare gli impollinatori, lavorano in combinazione con i terpeni per dare alla pianta il suo gusto e aroma e proteggerla da parassiti e malattie.

Sebbene i flavonoidi siano ampiamente sottovalutati, stiamo imparando di più su di loro man mano che vengono condotte ulteriori ricerche. Numerosi studi recenti hanno rivelato molti benefici farmacologici per i flavonoidi trovati specificamente nella pianta di cannabis.

Efficacia terapeutica

Lo studio, pubblicato su Frontiers in Oncology , ha condotto ripetuti esperimenti che hanno mostrato aumenti significativi del tasso di sopravvivenza per gli animali con cancro al pancreas rispetto ai gruppi di controllo.

Lo studio ha affermato: “ Mentre sono in corso studi per affrontare il meccanismo specifico per questo potenziale immunoterapico di questo derivato della cannabis, la possibilità di sfruttare un tale approccio terapeutico per trattare le metastasi o aumentare la sopravvivenza è significativa, dato che la maggior parte dei pazienti con cancro del pancreas viene diagnosticata. già con malattia metastatica, con opzioni di trattamento limitate.

“I risultati evidenziano il potenziale dell’utilizzo di derivati ​​non cannabinoidi e non psicoattivi della cannabis per tale trattamento. Ulteriori lavori per ottimizzare l’efficacia terapeutica per tali derivati ​​della cannabis e valutare la tossicità potrebbero preparare il terreno per la traduzione clinica.

“I risultati dell’FBL-03G rivelano un nuovo potenziale derivato della cannabis non cannabinoide con un grande potenziale da prendere in considerazione in ulteriori indagini nel trattamento del cancro del pancreas, dove sono urgentemente necessarie nuove opzioni terapeutiche.”

Crescita tumorale inibita in altre parti del corpo

I ricercatori sono rimasti sorpresi da alcuni dei risultati senza precedenti nello studio che hanno dimostrato che il flavonoide della cannabis ha anche inibito la progressione del tumore in altre parti del corpo in cui il cancro si era diffuso.

Lo studio ha somministrato il rilascio prolungato del derivato flavonoide della cannabis FBL-03G da biomateriali radioterapici intelligenti (SRB) che ha provocato l’inibizione della crescita tumorale di tumori trattati localmente e non trattati a distanza, con e senza radioterapia.

Lo studio ha osservato: “ Il carico utile FBL-03G utilizzato in questo studio è un derivato flavonoide non cannabinoide della cannabis e il potenziale di inibire la progressione del tumore sia locale che metastatico è notevole, specialmente per il cancro del pancreas , con una triste sopravvivenza a cinque anni tasso dell’8%. “