Pubblicato il

L’inalazione di Cannabis tende a ridurre significativamente la depressione, lo stress e l’ansia

Fino ad ora gli studi sugli effetti della cannabis sulla depressione, lo stress e l’ansia non sono stati solo rari, ma basati sul laboratorio e limitati ai ceppi di solo THC in capsule, ma un nuovo studio ha dimostrato che anche l’inalazione di cannabis è efficace.

Pubblicato nel Journal of Affective Disorders , lo studio della Washington State University ha rilevato che le persone che fumano o vaporizzano cannabis a casa sperimentano livelli “significativamente ridotti” di depressione, stress e ansia.

Carrie Cuttler, assistente professore clinico di psicologia presso la Washington State University (WSU) e autrice principale dello studio, ha dichiarato: “Ciò che rende unico il nostro studio è che abbiamo esaminato la cannabis inalata effettiva da pazienti con marijuana medica che la utilizzavano comodamente. delle proprie case invece di un laboratorio. “

I partecipanti sono stati in grado di fornire dati tramite un’app sui propri smartphone. Gli utenti hanno valutato i loro sintomi prima di usare la cannabis su una scala da 1 a 10 e poi hanno inserito le informazioni sul tipo di cannabis che stavano usando. Venti minuti dopo l’inalazione, l’app li ha spinti a riferire quanti tiri hanno fatto e a rivalutare la gravità dei loro sintomi.

È stato scoperto che una boccata di cannabis ad alto contenuto di CBD e bassa in THC era ottimale per ridurre i sintomi della depressione, due boccate di qualsiasi tipo di cannabis erano sufficienti per ridurre i sintomi di ansia, mentre 10 o più boccate di cannabis ad alto contenuto di CBD e alta in THC ha prodotto le maggiori riduzioni dello stress.

Cuttler ha continuato: “Molti consumatori sembrano credere che più THC sia sempre meglio. Il nostro studio mostra che il CBD è anche un ingrediente molto importante nella cannabis e può aumentare alcuni degli effetti positivi del THC “.

I risultati dello studio hanno mostrato che i pazienti che inalano cannabis hanno ridotto i sintomi della depressione nell’89,3% delle sessioni, rispetto all’effetto opposto nel 3,2% delle sessioni e nessun cambiamento nel 7,5% delle sessioni.

I sintomi di ansia sono stati ridotti in un totale del 93,5% delle sessioni monitorate ma sono stati esacerbati nel 2,1% delle sessioni, senza alcun cambiamento nei sintomi per il 4,4% delle sessioni. 

I sintomi di stress sono stati ridotti nel 93,3% delle sessioni monitorate, aumentati nel 2,7% delle sessioni e non vi è stato alcun cambiamento nei livelli di stress riportati per il 4% delle sessioni.

I ricercatori hanno anche concluso, tuttavia, che la depressione “sembra aggravarsi nel tempo”.

Lo studio ha anche confrontato l’impatto della cannabis su questi sintomi tra i sessi e ha scoperto che le donne percepivano una maggiore riduzione dei sintomi di ansia rispetto agli uomini.

Lo studio ha confrontato diversi ceppi di cannabis con diversi livelli di THC e CBD. La più grande riduzione delle valutazioni di depressione è stata segnalata dopo aver usato cannabis con livelli relativamente bassi di THC e livelli relativamente alti di CBD.

Con l’ansia, né il THC né il CBD da soli erano predittori di cambiamento. Quando si guarda se la cannabis combatte lo stress, tuttavia, i migliori risultati sono stati ottenuti dalla cannabis con livelli relativamente alti di THC e livelli relativamente alti di CBD. Al contrario, i ceppi con alto THC / basso CBD, basso THC / alto CBD o basso THC / basso CBD, non hanno mostrato differenze apprezzabili nel cambiamento dei sintomi.

I colleghi di Cuttler e WSU Alexander Spradlin e Ryan McLaughlin hanno utilizzato una forma di analisi statistica chiamata modellazione multilivello per analizzare circa 12.000 voci di app anonime per depressione, ansia e stress. I ricercatori non hanno ricevuto nessuna delle informazioni di identificazione personale degli utenti dell’app per il loro lavoro.

Cuttler ha detto: “Questo è per quanto ne so uno dei primi studi scientifici per fornire una guida sulle varietà e le quantità di cannabis che le persone dovrebbero cercare per ridurre lo stress, l’ansia e la depressione. Attualmente, i consumatori di cannabis terapeutica e ricreativa si affidano ai consigli delle offerte di gemme le cui raccomandazioni si basano su prove aneddotiche e non scientifiche “.

Lo studio fa parte di diversi progetti di ricerca sulla cannabis attualmente in corso presso la WSU, tutti coerenti con la legge federale e molti dei quali sono finanziati con le tasse sulla cannabis dello stato di Washington e le tasse di licenza dei liquori.