Pubblicato il

Come capire se la tua cannabis è andata a male e i suoi effetti collaterali

La cannabis ha una data di scadenza? La maggior parte degli utenti acquista e consuma cannabis in quantità sufficientemente piccole da non far sorgere mai la domanda. Ma se hai coltivato una grande quantità, o ti sei imbattuto in qualche vecchia erba che hai dimenticato di avere, dovrai sapere: l’ erba va a male ? E cosa succede se fumi erba vecchia?

La cannabis correttamente stagionata conservata in un luogo fresco e asciutto ha una durata di circa un anno. A quel punto, l’erba comincerà a perdere sapore e potenza e potrebbe persino sviluppare muffe che potrebbero essere dannose se bruciate. E anche se quel lotto non è dannoso, non si sentirà comunque molto bene.

In questo articolo esaminiamo come capire se la tua erba è andata a male, quanti anni potrebbe avere effetti su di te e come mantenere fresca la tua erba in futuro.

La prova dell’occhio


Il modo più semplice per controllare la freschezza della tua erba è dargli un’occhiata da vicino. La cannabis fresca è di un vivace colore verde, a volte con striature viola , e peli fini che diventano arancioni o ambrati. Se questi colori sembrano sbiaditi, si spera che siano ricoperti da piccoli tricomi torbidi. Tuttavia, se quel verde brillante è sbiadito – o peggio, è diventato un marrone fangoso o giallo – allora hai dell’erba scaduta sulla tua mano. Meglio lasciar perdere.

Gusto e profumo


L’odore e il sapore di una determinata varietà di cannabis provengono dai terpeni e dai flavonoidi che si sviluppano durante il processo di concia. Ma anche la cura più paziente non può rendere l’erba insensibile alle ingiurie del tempo.
Se la tua cannabis ha un odore strano o nessun odore, c’è la possibilità che sia andata a male.
La cannabis che ha poco o nessun odore probabilmente avrà anche poco o nessun sapore. Non solo sarà insipido fumare, ma la degradazione dei terpeni potrebbe alterare l’ effetto entourage , cambiando l’ effetto che si ottiene di solito attenuandolo.

Senti l’umidità


Le cime di cannabis fresche sono spugnose senza sentirsi secche. Con l’invecchiamento, la cannabis probabilmente perderà umidità, conferendole una consistenza raschiante e abrasiva. Mentre le cime sane vengono delicatamente staccate dai loro steli malleabili, la vecchia erba si sente fragile, con le cime che si sgretolano dallo stelo.

https://www.canapaland-sanremo.it/?post_type=product&p=3763&preview=trueLe bustine Boveda 58% servono per regolare l’umidità per la conservazione del raccolto di fiori e spezie già asciugate.

Controlla la muffa


La più grande minaccia che la vecchia erba rappresenta per te è la muffa . La cannabis ammuffita non ti farà male come farebbe il cibo scaduto, ma un affondo di fumo di muffa è un’esperienza pessima e ovviamente non fa bene ai tuoi polmoni. La buona notizia è che la muffa non si nasconde bene, quindi uno sguardo da vicino dovrebbe rivelarne una.

La muffa si presenta in diversi modi, quindi fai attenzione. Può apparire come macchie scure irregolari o potrebbe essere una sottile peluria che cresce sulla superficie. Ciò che a prima vista appare come tricomi potrebbe essere l’oidio

Erba ammuffita


Un esempio di cannabis ammuffita.
Se guardare così da vicino è difficile, annusare potrebbe essere un indicatore migliore. La muffa spesso ha un odore acre o aspro, arricciando gli angoli del naso o della bocca.

Certo, alcune varietà di erba hanno un odore piuttosto pungente, ma fidati che il tuo corpo dia l’allarme quando sente qualcosa di pericoloso. Se hai dei dubbi o solo una “sensazione divertente” da qualche gemma misteriosa, non fumarla.

Qualcuno che sbadiglia


Si pensa che il CBN abbia più effetti sedativi del THC.
Un processo di cura del paziente rallenta drasticamente lo sviluppo di CBN, lasciando la tua scorta di cannabis ricca di THC. Ma la cura non interrompe del tutto questo processo e, sebbene la cannabis conciata possa rimanere fresca per circa un anno, nel tempo quei cannabinoidi continueranno a svilupparsi e degradarsi. Pertanto, la cannabis più vecchia è spesso più ricca di CBN.

Il CBN da solo non sembra far addormentare le persone , ma la cannabis degradata o vecchia sicuramente sì, e il motivo esatto è sconosciuto. Potrebbe essere un’interazione specifica tra CBN e THC a causare l’effetto, o che la cannabis con un alto CBN ha naturalmente altre qualità (come profili terpenici specifici) che inducono il sonno. Resta il consenso, indipendentemente dal ceppo, la cannabis più vecchia influenzerà i consumatori più come un’indica che blocca il divano.

Come conservare correttamente la cannabis


La maggior parte dei problemi qui affrontati può essere prevenuta conservando in modo più efficace la vostra cannabis a lungo termine. Naturalmente, un processo di stagionatura paziente preparerà la tua cannabis a una lunga durata, ma anche il contenitore e il luogo in cui è conservata avranno effetto.

BARATTOLO SOTTOVUOTO TIGHTVAC

La luce e la temperatura sono i tuoi principali avversari quando si conserva l’erba.


La luce , in particolare la luce UV del sole, degraderà cannabinoidi e terpeni più velocemente di qualsiasi altra cosa, con il calore che arriva in un secondo vicino. Conserva sempre la tua cannabis in un luogo fresco e buio e lontano da qualsiasi apparecchio che potrebbe riscaldarsi durante l’uso, come un fornello o un computer.

Aria e umidità sono gli altri due fattori da considerare. I fiori di cannabis possono essere sigillati sottovuoto per una conservazione a lungo termine ( il contenitore Tightvac è perfetto per la conservazione dei prodotti per lunghi periodi). Un po’ di esposizione all’aria quando raggiungi la tua erba è normale, ma se fuoriesce aria intorno alle tue cime 24 ore al giorno, diventerà stantia rapidamente.


L’erba tecnica non scade, ma come tutta la materia vegetale, può degradarsi, diventare stantia e la finestra per l’uso può alla fine chiudersi. Il modo più rapido per capire se l’erba è andata a male è dare un’occhiata da vicino e forse annusare da vicino.

La muffa è la minaccia più critica senza essere troppo critica. L’erba ammuffita non ti danneggerà, ma avrà un sapore atroce e probabilmente tossirai. Verifica la presenza di muffa cercando macchie scure su tutto il pezzo o una crescita cotonosa lungo la superficie. Se non sei ancora sicuro, dagli un buona annusata.

La cosa migliore che puoi fare per evitare che l’erba vada a male è prepararla adeguatamente per la conservazione a lungo termine con una cura per il paziente, quindi conservarla in un contenitore che la manterrà fresca. I barattoli a bocca larga sono l’opzione più comune, preferibilmente con un coperchio di gomma a scatto. Non solo questi barattoli si sigillano bene, ma il vetro tende a essere un contenitore migliore della plastica o del metallo perché gli ultimi due conferiranno i loro odori e sapori residui nel tempo. In caso contrario, è possibile acquistare contenitori sigillati e bloccati appositamente per la cannabis, nonché sacchetti a prova di odore.

Domande frequenti

La mia erba si ammuffirà?

Potrebbe, sì. L’erba fa crescere la muffa se viene curata o conservata in modo improprio, in particolare nelle zone umide. La prima cosa che puoi fare per prevenire la formazione di muffa nella tua erba è curarla per diverse settimane. Se hai preso la tua erba da qualche altra parte, conservala in un contenitore ermetico lontano dalla luce o da fonti di calore.

L’erba diventa più forte con l’età?


Brevemente sì, poi no. La cannabis appena raccolta continuerà a sviluppare cannabinoidi durante i processi di essiccazione e stagionatura, ma la sua potenza avrà un limite definito dalla sua genetica. Dopo aver raggiunto il picco di potenza, inevitabilmente diminuirà nel tempo. Anche in questo caso, il processo di stagionatura può rallentare questo degrado, ma nessuna erba è inattaccabile dal tempo.

Perché la mia erba odora di vecchio?


La cannabis perde sapore e potenza nel tempo, soprattutto se non viene conservata correttamente in un luogo fresco e asciutto e sigillata il più ermeticamente possibile. Aria, luce e temperatura degradano tutte l’erba, dalla materia vegetale stessa ai cannabinoidi e ai terpeni all’interno. Se la tua erba odora di vecchio, probabilmente ha già superato il suo apice. Fumare a proprio rischio.